jetwinner

Membri
  • Numero post

    16
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Numero di giorni vittoriosi

    2

Su jetwinner

  • Rango
    Nativo del Jandùr

Informazioni Profilo

  • Genere

Accounts

  • Wiki
    Casata Drengot
  • Minecraft
    jetwinner

Visite recenti

102 visite al profilo

Stato d'animo

  • Perplesso
  • Mi sento Perplesso
  1. Era ormai l'ultimo mese di mandato del re Melkas Zamputor. Dopo ventinove anni a capo della comunità Apolisiana era contento del suo operato. Aveva portato avanzamento tecnologico all'interno della nazione e questo permise l'impiego di nuovi sistemi di scavo che rendevano il lavoro degli operai molto più agevole, sicuro e veloce. Inoltre fece costruire il tratto di fungovia Dragonia-Skejit che incrementò di molto il commercio con le varie nazioni del piano e permise una maggiore mobilità dell'esercito. Grazie al suo operato la pace era ritornata all'interno della nazione e, dopo due decenni di razzie e massacri, la vita aveva ripreso a scorrere normalmente e il suo popolo potè riprendere la routine quotidiana. Ormai i suoi giorni da re erano agli sgoccioli, e le sorti del suo Regno sempre più incerte. Il giovane kim jon Dragoy (nipote di Divi mey) non era ancora pronto per governare. Troppo immaturo e incline all'odio la sua mente era pervasa dalla sete di potere. Melkas sapeva che se il ragazzo fosse diventato re avrebbe scatenato guerre che il Regno non poteva sostenere e il malcontento all'interno della città sarebbe aumentato scatenando rivolte che avrebbero portato il popolo di Dragonia sull'orlo di una guerra civile. L'anziano Re non poteva sopportare l'idea che tutto quello che aveva costruito negli ultimi anni andasse distrutto. Decise quindi di organizzare un colpo di stato e riunì tutte le famiglie che avevano giurato fedeltà agli Zamputor. Solo la casata Drengot, tuttavia, si unì alla causa di Re Melkas. Il giorno dell'incoronazione di Kim Jon Dragoy, Melkas Zamputor e i fratelli Drengot si presentarono a capo di un imponente esercito nella piazza dove si stava celebrando il rito di passaggio. Melkas scese da cavallo e con fare risoluto si avvicinò al giovane Dragoy. Nella piazza calò un silenzio spettrale, poi Melkas prese parola :" Sappiamo tutti che con la tua sete di potere e con il tuo animo impuro porterai alla distruzione questa gloriosa città, ma io non starò con le mani in mano. Non ti permetterò di distruggere tutto quello che io e tuo nonno abbiamo costruito in questi anni". Kim abbassò il capo, l'ira lo scuoteva e con la fierezza disse: " Tu e mio nonno eravate solo dei deboli, ma con me sara diverso, oh si, sarà diverso! Dragonia conquisterà tutto e tutti! diventerà immensa, non avrà rivali! Ma per fare questo gli UOMINI DEBOLI DOVRANNO PERIRE!". Detto ciò Kim Jon Dragoy sfoderò un pugnale dalla sua fondina e con molta freddezza accoltello Melkas in pieno petto. Il Re tradito si accasciò al suolo e prima di esalare il suo ultimo respiro si girò verso Volmark e ansimò : " tuu.. Volmark rendii grande.. questa città ". E con queste ultime parole Re Melkas, morì. Volmark era completamente distutto, considerava Melkas come un padre. Era stato lui a crescerlo insieme al defunto Virkutos. Volmark, accecato dalla rabbia urlò: " Non dovevi! Pagherai caro questo affronto maledetto moccioso! ". Detto ciò ordinò al suo esercito di uccidere ogni Dragoy o simpatizzante della casata presente nella piazza. Lo scontro tra le due casate fu sanguinoso e con molte perdite da entrambi le parti. La battaglia terminò quando Volmark riuscì a farsi strada fino a Kim Jon e dopo un breve duello e con un colpo ben preciso di falce decapito il ragazzo. Gli ultimi soldati Dragoy si arresero alla forza di Volmark e del suo esercito. Il popolo, colpito dal gesto di forza e di coraggio di Volmark lo elesse a Re. Iniziava così il Regno del grande Re Volmark.
  2. ma davvero!?non lo sapevo neanche io, ma vabbè la mai è ovviamente migliore
  3. Era inteso come quartiere gestito dai Drengot.
  4. Livid, guarda che "Drengot" è una casata quindi sarebbe incidente dei Drengot.