Giank56

Supervisore D&D
  • Numero post

    1.081
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Numero di giorni vittoriosi

    4

Su Giank56

  • Rango
    Re del Jandùr
  • Compleanno 02/08/1992

Visite recenti

1.458 visite al profilo

Stato d'animo

  • Soddisfatto
  • Mi sento Soddisfatto
  1. Come il droide grida: "For the Separatist Alliance" mi ha fatto innamorare di loro, spero nel doppiaggio italiano uguale alla serie TV, se così fosse in barba alla mia fedeltà imperiale giocherò sempre come Separatista
  2. Pronto ed operativo! Ho fatto i primi livelli dei tedeschi proprio con gli aerei italiani e ho uno slot di equipaggio vincolato a loro ancora adesso anche se ormai sfioro il tier 3 coi caccia tedeschi, finalmente potrò impegnarmi in un techtree patriottico!
  3. Background di Adrianus tra il 1004 f.V ed il 1008 f.V Il fallimento della missione nella Pebeania non fu accolto con piacere dal giovane agente imperiale, ne dal suo compagno e mentore Quintus. Congedandosi senza troppe cerimonie dal resto del gruppo, i due raggiunsero la capitale dove fecero rapporto all'Imperatore, il quale sorprendentemente non si sorprese più del dovuto per il fallimento limitandosi a congedare i due agenti rimandandoli ai loro doveri, non prima di un breve periodo di riposo di 3 settimane. Di nuovo solo dietro le linee nemiche Adrianus passò più di 3 anni a consegnare le famigerate "missive della morte" a chiunque gli venisse indicato dai suoi comandanti, agendo occasionalmente ancora con Quintus che vedendo i miglioramenti del giovane si decise ad addestrarlo nella magia elevando. Durante questo periodo fanno la conoscenza di un nano di nome Hurturun del "Plotone dei porcospini", il quale fa una buona impressione ai due agenti in relazione al suo particolare stile di combattimento. Nel 1008 f.V. Adrianus e Quintus sono mandati ad Adanthor per ricevere nuovi incarichi in virtù dei disordini che si stanno venendo a creare nella regione, qui vengono a sapere dell'assassinio di Attilea che provoca in Adrianus un sentimenti di odio e desiderio di vendetta contro i traditori, ma tenendo nascosto comunque il dolore per la morte della sua ex comandante alla quale era molto legato, inoltre reincontrano il nano Hurtrun che si unisce a loro svolgendo il ruolo di guida per muoversi nella regione...
  4. Ma che marcisca Ashoka! l'equilibrio si otterrà solo con la distruzione di Jedi e Sith lasciando la galassia ad autoregolarsi (magari sotto il Primo Ordine ) Ditemi quello che volete, ma l'Ep. 7 mi è piaciuto parecchio e le storie che si stanno creando attorno non fanno altro che ampliare tale background, e ciò non mi fa rimpiangere minimamente la "cancellazione" delle storie legends, se continuano per questa strada non sarà difficile per me dire che la nuova trilogia sarà il top di Star Wars.
  5. PER L'IMPERO!!! Il primo hanno sbagliato principalmente nella politica DLC e aziendale in generale ma il gioco aveva i suoi pregi, se ora ci aggiungiamo 3 Ere (manca la migliore ma non mi importa :asd:), la campagna dal punto di vista dei buoni, il capolavoro non è lontano.
  6. STAR WARS - Episiodio II Passa un mese dalla battaglia di Onderon e la fine delle guerre mandaloriane, Shane e Rayla ormai divenuti cavalieri jedi passano questo periodo separati, il primo ne aprofitta per diventare l'immagine pubblica del Consiglio Jedi, la seconda decide di seguire i passi di Revan fino a Malachor. Kalira ed Hex invece torano alla loro vita, la giovane mercenaria ne accetta un'incarico di caccia all'uomo che la conduce su Coruscant, il mandaloriano invece ritrova il suo clan fortificato nonostante la sconfitta militare e lo manda su Coruscant per corrompere un ufficiale addetto ai rifornimenti per "chiudere un'occhio" sulle manovre mandaloriane su Mandalore occupato. Proprio su Coruscant si reincontrano sul quale decidono di aiutare Kalira a dare la caccia ad un paio di signori del crimine affiliati al "Sole Nero", incarico che li porta a visitare i settori più malfamati della capitale galattica, ma che si risolve con l'eliminazione dei criminali e la distruzione dei loro affari loschi. A questo punto il Consiglio ordina ai due giovani jedi di andare alla stazione di atterraggio per recuperare un jedi rinnegato che seguì Revan in guerra, che si è consegnato spontaneamente per subire il processo del Consiglio, tuttavia una volta raggiunto lo spazioporto un bagliore rosso nel cielo seguito da un boato tremendo rade al suolo buona parte del Tempio Jedi, dando segnale a tutte le navi sovrastanti di aprire indiscriminatamente fuoco sull'intero pianeta, colpendo anche il Senato Galattico. Ignari di quanto stia realmente accadendo, il gruppo fa appena in tempo a salire a bordo della vicina nave di Hex prima di essere raggiunti dai soldati repubblicani traditori...
  7. L'indomani mattina, il gruppo si incammina per lo Spazioporto e avvicinato da un ribelle, gli promettono che nonostante gli ordini si impegneranno a salvare la Regina e i prigionieri. Arrivani al punto di punto di rendez-vous, ricevono le istruzioni dal sergente repubblicano: sfruttando i codici delle navette da carico mandaloriane diversi gruppi d'attacco atterreranno sulla supeficie della luna e raggiungeranno la fortezza da più direzioni per circondarla. Gli eroi a causa di alcuni commenti sottovoce mal digeriti dall'ufficiale ricevono l'incarico di demolire le torrette per la difesa aerea, che impediscono ogni possibile supporto aereo, ricevono così 4 cariche di demolizione e vengono fatti salire a bordo di una navetta. Lungo il viaggio fuori dall'atmosfera vedono che la flotta repubblicana si sta preparando ad affrontare quel che resta della flotta di difesa mandaloriana, ma tra tutte le navi l'unica che colpisce è l'Interdictor classe Leviathan che oltre ad essere il prototipo di nave più grande mai costruita dalla Repubblica è risaputo essere anche l'ammiraglia di Revan al fronte, la sua sola presenza quindi fa presagire che c'è qualcosa di più grande in gioco, poci minuti dopo aver notato la nave, i due jedi subiscono improvvisamente un malore derivato ad un forte disturbo della forza, Shane grazie alla sua conoscenza presume che migliaia di persone sono morte nello stesso momento da qualche parte nella galassia, tanto da poterlo percepire anche su Onderon, non a caso nel sistema di Malachor la repubblica affrontava la battaglia decisiva contro la flotta mandaloriana principale. Sulla Luna i codici mandaloriani permettono alle truppe repubblicane di atterrare nei punti prestabiliti senza incontrare resistenza, i nostri dopo essersi congedati dai piloti si inoltrano nella foresta attraverso sentieri naturali, i primi minuti trascorrono tranquillamente, ma inoltrandosi sempre di più nella vegetazione scorgono in alcune grotte naturali diversi resti umanoidi appartenuti probabilmente a sfortunati esploratori precedenti, inoltre sempre più versi di animali allertano il gruppo, che nel frattempo decide di esplorare una delle caverne, nella quale subiscono l'attacco di due bestie feroci, eliminate senza grande difficoltà dopo un breve combattimento, il quale tuttavia ha attirato l'attenzione di altri predatori incentivando i versi udibili in lontananza, quindi percorrono i successivi km di corsa fino ad apparire in una radura sopraelevata dalla quale scorgono in lontananza un soldato repubblicano in fuga inseguito da numerose creature. Kalira nel tentativo di aiutarlo prova a sparare un colpo con il suo fucile di precisione mandando su tutte le furie Shane il quale fa presente il rischio di attirare nuovi predatori,comunque il colpo non va a segno e fa perdere l'equilibrio al soldato che inciampa venendo raggiunto dalle bestie, tuttavia grazie alla mimetica ottica si nasconde lasciando ai compagni anch'essi nascosti l'occasione di eliminare gli animali con rapida efficacia. Dopo l'episiodio ricominciano ad inoltrarsi nella foresta fino a raggiungere una grande caverna naturale nella quale entrano, rivelando il passaggio obbligato proprio dietro un nido di Acklay, un esemplare femminile infatti è impegnato ad affrontare due soldati mandaloriani (su una squadra di 5), il gruppo manca l'occasione di sfruttare la cosa per passare non visti, ma gli si ripresenta quando la creatura inizia a cibarsi dei cadaveri. Sfortunatamente sebbene riescano a passare quasi tutti, Shane viene sentito poco prima di entrare nel passaggio e Rayla resta indietro, l'Aclay quindi ingaggia il gruppo riuscendo a mordere Shane provocandogli gravissime ferite e lasciandolo a terra in un bagno di sangue, scena che manda nel panico sua sorella Rayla che colta dalla rabbia investe la creatura con diverse scariche di Fulmini della Forza, fino a far crollare l'Acklay che nel frattempo era sotto tiro di Kalira e Hex. Shane gravemente ferito subisce un'operazione lunga e difficile da parte del gruppo ma alla fine riesce a sopravvivere, poco dopo irrompono truppe repubblicane che aiutano il gruppo a raggiungere il campo allestito. Dopo un giorno di riposo passato a esplorare i dintorni e aiutanto con le mansione da campo, il gruppo su ordine dell'ufficiale repubblicano sfrutta il caos della battaglia per irrompere nella fortezza prima del previsto per avere il tempo di salvare i prigionieri, dentro vengono subito aggrediti da un gruppo di droidi distruttori attivatisi dopo aver fatto scattare una trappola a gas nell'ingresso, il resto della base invece è un continuo irrompere nei sistemi di sicurezza per aprirsi la strada, almeno fino ad un'ala ospedaliera riconvertita a sala torture la quale presenza un apparente semplice enigma con le porte di accesso, facilmente scoperto dal gruppo, ma ciò che non si accorgono è che tale sistema di aperture abilitava la console di accesso alle prigioni, ignorando il fatto decidono di forzare le porte facendo scattare l'allarme che attiva la fuoriuscita di gas tossico nelle celle, nel tentativo di sbrigarsi a salvare i prigionini decidono di far saltare in aria una delle due porte, facendo ciò tuttavia uccidono accidentalmente i prigionieri più vicini all'ingresso e danneggiano la console di comando interna che attiva così un secondo sistema di sicurezza che attiva una vampata di fuoco che inizia a bruciare vivi i prigionieri rinchiusi, il gruppo però riesce lo stesso a salvare una parte dei prigionieri che ignari dell'accaduto li ringraziano come eroi e salvatori, Kalira su consiglio degli altri recupera le registrazioni dell'accaduto distruggendole, alla conta intuiscono di aver salvato circa il 48% dei prigionieri li presenti. proseguendo la ricerca della Regina e del governatore raggiungono i comandi dell'hangar e dopo un'ultimo scontro accedono al vano hangar, non prima però di aver attivato un veicolo di trasporto per usarlo come protezione ad eventuali difese fisse, ma ritardando quel tanto che basta al governatore per decollare con un cannoniera e due caccia di scorta. ma lasciando la regina fuggire scortata da un manipolo di mandaloriani che alla presenza dei jedi si arrendono senza combattere. Infatti è notizia appresa solo durante gli scontri che l'esercito mandaloriano è stato completamente annientato da Revan nella battaglia di Malachor e i superstiti hanno firmato la resa incondizionata con la Repubblica. Nonostante questo Rayla, Hex e Kalira usando altri caccia li presenti partono all'inseguimento del governatore, Shane già ferito dall'Acklay e dagl iscontri nelal fortezza decide di rimanere a terra prendendosi così involontariamente tutti gli onori per il salvataggio della regina Talia e dei prigionieri, ottenendo la più alta onoreficenza di Onderon. Nello spazio nel frattempo il gruppo raggiunge il governatore e rapidamente elimina la sua scorta, e riceve l'ordine diretto dal Gran Ammiraglio di abbordare la cannoniera del governatore ed eliminarlo. Dopo vari tentativi infruttuosi di abbordaggio tuttavia la navetta viene raggiunta da uno stormo di caccia repubblicani che senza curarsi di chiedere la resa distruggono la nave. Dal rottame però Rayla ode una voce rassicurante che la invita ad avvicinarsi, così raccoglie sia l'elmo del governatore come prova di riuscita della missione e un misterioso oggetto simile ad un prisma di colore rosso acceso probabilmente appartenuto allo scettro reale. Tornati su Onderon ritrovano Shane e l'ufficiale repubblicano al quale consegnano l'elmo del governatore e alcune coordinate di avamposti mandaloriani sulla Luna che immediatamente sfrutta per ordinare diversi attacchi orbitali. Al rifugio ribelle invece trovano ad attenderli il maestro jedi di Rayla che comunica loro di tornare immediatamente su Coruscant per far rapporto della situazione al Consiglio, complimentandosi comunque per essere riusciti a sopravvivere meritando così il titolo di cavalieri jedi. Il gruppo così decide di separarsi per ritornare alla propria vita di sempre, senza immaginare che a circa un mese di distanza il destino li avrebbe riportati a rincontrarsi proprio su Coruscant...
  8. La mattina i ribelli sono pronti per assistere al discorso, il gruppo viene quindi svegliato e tramite strade secondarie e alcuni passaggi per le fogne, si ritrovano senza problemi di fronte la piazza reale. Qui una lunga fila di cittadini sta lentamente avanzando per entrare attraverso diversi checkpoint mandaloriani, su idea di un giovane ribelle, viene nascosta una pistola nella tasca di un nobile particolarmente odiato, nel trambusto che si crea al momento della scoperta da parte dei mandaloriani dell'arma, il gruppo ne approfitta per entrare nella piazza. Kalira decide di seguire un gruppo di ribelli sui tetti per poter offrire un supporto a lunga distanza, mentre gli altri restano nella piazza che col passare delle ore si riempie sempre più di cittadini e allo stesso tempo anche un maggior numero di soldati mandaloriani viene visto prendere posizione lungo tutto il perimetro e vengono avvistati diversi cecchini all'interno degli appartamenti che danno sulla piazza, allarmando i ribelli. Uno squillo di trombe segna l'inizio del discorso, il governatore viene visto scendere le scalinate dal Palazzo reale accompagnato dalla regina Talia e da un prigioniero che viene riconosciuto essere Redon Dun, nel mentre le guardie reali preparano una decina di patiboli e altrettanti prigionieri vengono condotti li, una volta giunto sul palco il governatore da il via alla decapitazione dei prigionieri e giurando vendetta cerca di colpire anche la regina Talia, ma viene fermato dalla rivolta della folla che supportata dai ribelli riceve delle armi, in risposta i mandaloriani aprono il fuoco indiscriminatamente sulla folla. Nel caos venutosi a creare il gruppo parte all'inseguimento del Governatore in fuga verso la prigione e presumibilmente l'hangar li presente. Ilsuo vantaggio rispetto al gruppo è tale che uan volta entrati nell'atrio, il sistema di sicurezza della prigione è già stato attivato e quindi Rayla ed Hex decidono di andare alla sala di controllo per disattivarlo e magari bloccare la fuga del governatore sigillando le porte, mentre Shane attende Kalira per poi liberare le varie stanze. La giovane jedi ed Hex raggiungono l'ascensore, protetto da due soldati mandaloriani, uno viene elimianto mentre l'altro tramite controllo mentale viene portato a credere di aver catturato Rayla e di condurla quindi dal comandante, lo stratagemma funziana talmente bene che una volta giunti alla sala controllo vengono tutte le minacce vengono elimiante senza problemi, così da poter assumere il controllo di alcuni sistemi della prigione, nel mentre Shane e Kalira eliminano uno dopo l'altro le varie ondate di mandaloriani che li raggiungono. Attraverso le telecamere il gruppo ottiene la posizione del governatore e sperando di rallentarlo Rayla prova a sabotare le porte verso l'hangar riuscendoci solo in parte, in più vengono aperte tutte le celle, facendo si che i prigionieri sciamino contro i mandaloriani. Una volta riunito, il gruppo riprende l'inseguimento del governatore, con lo stesso ascensore scendono nel magazzino dove le telecamere avevano ripreso il governatore dare ordini alle truppe prima di fuggire, qui trovano numerosi corpi sia di mandaloriani che di prigionieri uccisi da armi pesanti, non ci mettono troppo a scoprire la causa, un droide distruttore blocca l'unica via per l'hangar, il combattimento è lungo e complesso ma alla fine il gruppo riesce a sconfiggere la minaccia e a riprendere l'inseguimento scansando una trappola di un mitragliere appostato, ma venendo nuovamente bloccati stavolta da un camminatore, anche questo combattimento risulta difficile e proprio quando stavano per ricevere il colpo finale, Kalira prepara delle granate e shane con la Forza le getta ai piedi del nemico facendolo saltare in aria. Senza più ostacoli raggiungono l'hangar solo per vedere in lontananza la navetta del governatore iniziare il decollo, Rayla concentrando tutte le sue energie riesce a bloccarla con la forza, ma un gruppo di mandaloriani scende dalla navetta e corre verso di loro sparando, costretta a nascondersi per non essere colpita rilascia la navetta che così riesce a fuggire, mentre il resto del gruppo elimina la minaccia mandaloriana rimasta. Kalira ne approfitta per hackerare i computer scoprendo le coordinate della base lunare dov'è diretto il governatore. L'arrivo dei ribelli permette al gruppo di riposare e curare le proprie ferite. Al campo vengono accolti da un severo ufficiale repubblicano presentatosi come Sergente della 501° Armata, e organizzando un raid su Dxun previsto per l'indomani mattina, grazie alle informazioni ottenute il gruppo viene "invitato" a partecipare all'operazione, sottolineando che l'unico obiettivo rimario è la cattura o l'eliminazione del governatore, la salvezza dei prigionieri e della stessa regina (che si scopre essere stata catturata durante la confusione) è solo un obiettivo secondario. _________________________________________________________________________________________________________ Note: 501° Armata: Considerata l'elite dell'esercito repubblicano è comandata dal generale Jedi Meetra Surik, fedele seguace di Revan.
  9. Un gioco che più cose fai e più ti viene naturale dire, "capperi ho acnora un sacco di roba da fare e da vedere!", ha saputo usare poche idee veramente innovative, ma integrandole perfettametne con l'ambiente. Passo più tempo a fare il contadino nei campi agricoli a farmare riso o a caccia che a fare incarichi.