xTioZ

Membri
  • Content count

    983
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

About xTioZ

  • Rank
    Arciduca del Jandùr
  • Birthday 03/02/96

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Città
    Torino

Accounts

  • Wiki
    Tìosul
  • Minecraft
    xTioZ

Recent Profile Visitors

1064 profile views

Mood

  • Meh
  • Currently Feeling Meh
  1. Scorri i Warp inserendo dopo il comando il numero della pagina (ES: "/warp 2" oppure "/warp 3")
  2. Ragazzi, non so se qualcuno di voi è nella mia stessa situazione, ma per il 31 (causa "Halloween") non potrò partecipare al multy, scusatemi per il disagio.
  3. Sinceramente anch'io inizialmente ho avuto dubbi su questa notazione, ma dai un'occhiata qui. Nonostante la definizione corretta sia quella che hai dato tu, su Stellaris viene utilizzato il termine Star System per indicare un sistema di pianeti, asteroidi o corpi celesti in generale che orbitano una stella (o un buco nero nel caso limite). L'ambiguità esiste di per sè in gioco, e secondo me è meglio utilizzare Sistema Planetario, più chiaro e corretto. In caso optassimo per sistema stellare, che per me va anche bene (anzi, forse rende più intuibile il concetto che ci sta dietro), è doveroso specificarne la corretta accezione del termine attraverso una disambiguazione.
  4. Stellaris

    Anch'io sono pronto a dare il mio contributo. Non assicuro una presenza assidua, ma ci sono.
  5. « Memento Audere Semper » Casata di Milano Il sottoscritto Amedeo, Sindaco di Como e Cancelliere della Contea di Lombardia, per conto di Mangifredo di Milano, Primo del suo nome, Conte di Lombardia, Protettore di Milano e Consigliere del Duca Ambrosio di Bergamo, annuncia l'apertura delle ambasciate milanesi. Ad Adalberto Bonifazi, Duca di Toscana, e Lamberto Guideschi, Duca di Spoleto, Il Regno di Lombardia vive attualmente un periodo di forte instabilità. La cultura italica ha ormai soppiantato quella lombarda, e ci prepariamo ad una nuova primavera dei popoli. Sentiamo intanto la necessità di tracciare in modo migliore i nostri rapporti con Voi. Inoltre, il Conte Mangifredo, riconosce tutti i possedimenti in cui attualmente s'innalzano i vessilli del Duca Adalberto di Toscana e del Duca Lamberto di Spoleto, chiedendo che vengano altrettanto riconosciute le attuali terre e il de jure lombardo in nome del Duca Ambrosio di Bergamo. Alle Serenissime Repubbliche di Venezia e di Amalfi, Per la Città di Milano, così come la contea della Lombardia, si prelude un periodo di prosperità e ricchezza. La posizione geografica la rende un punto cruciale per i commerci e per gli scambi con il resto del nostro continente. Il Conte Mangifredo di Milano è interessato ad avviare con Voi un periodo di intesa che sfoci in future trattative e accordi commerciali. Ad Adelfonso III de Cantabria, Sovrano di Asturias, e Louis II Carolingio, Sovrano di Aquitania, Con l'Iberia in mano ai musulmani, e il nemico alle porte, il Conte Mangifredo ha riconosciuto la difficile situazione che state sostenendo e ha deciso di sposare la Vostra causa, proclamando che interverrà attivamente per la repulsione degli invasori dalla penisola Iberica. Agli Jarl Vichinghi del Nord Europa, In fede, Amedeo di Como, Cancelliere della Contea di Lombardia
  6. Scusate, ho visto ora gli achievements, e voglio qualcosa di badass XDXD. Cambio da Carlomanno di Baviera a Mangifredo di Lombardia, e mi preparo a crepare nella prima sessione.
  7. Nick su Steam: TioZ Nome Personaggio: Conte Mangifredo di Lombardia (Count Mangifredo of Lombardy)
  8. Non ho il save dell'host, ma posso passarti il mio: link No, la Francia è ancora tua, Impesio l'ha detto anche espressamente ieri sera.
  9. Ragazzi, la Francia non ci potrà essere domani e bisognare trovarle un sub. PS: Parlo a nome di bacca perchè non riesce a loggare sul forum.
  10. Condivido, con l'aggiunta di giovedì come giorno proibito Almeno per me.
  11. Probabilmente le modalità per la scelta dei personaggi verranno decise in seguito. Al momento l'unica differenza tra free for all e cooperativa da tenere in conto è se obbligare o meno la cooperazione tra umani senza sotterfugi .
  12. Se la partecipazione sarà consistente, contatemi pure . Personalmente non ritengo la mia connessione adatta ad hostare, ma se può servire, ho i seguenti dlc: Legacy of Rome, The Republic, The Old Gods, Charlemagne, Way of life. Nick su Steam: TioZ Modalità preferita: Free for all Velocità di connessione: Nella media
  13. A Sua Maestà l'Imperatore del Sacro Romano Impero e Arciduca d'Austria, Noi non viviamo nel rimorso e nella menzogna, ci teniamo che Voi lo sappiate. Il Duca potrebbe sembrare impulsivo e incalcolatore talvolta, ma proprio in virtù del passato di collaborazione che ci ha legato finora, ha aggravato la sua reazione. È arrivata così, improvvisamente, senza possibilità di replica. Come ci si dovrebbe sentire? La pace e l'equilibrio sono gli interessi primari del Duca, e mai si permetterebbe di violare la libertà di alcun popolo senza che questa venga invocata o fortemente voluta. Voi ricordate i patti tra le due nostre nazioni, noi ricordiamo di averli sempre rispettati e mai esserci spinti oltre. Solo questo dovrebbe bastare per farVi giungere la buona fede delle nostre azioni, ed è sulla base di questa che desideriamo ristabilire le nostre relazioni. Il Duca porge pubblicamente le sue scuse a Sua Maestà l'Imperatore se il linguaggio utilizzato nelle precedenti missive ha arrecato offesa. Ripropone le giuste intenzioni e riafferma la sovranità dei Paesi Bassi col Vostro benestare. In una missiva avete lamentato la nostra indisponibilità nell'unirci alle guerre contro l'invasore turco. Ebbene, ci scusiamo anche di questo, e il Duca è pronto a giurare all'Imperatore che finchè vivrà, semmai l'Austria decidesse di intraprendere azioni belliche contro l'invasore ateo, metterà a disposizione incondizionamente l'intero apparato bellico a sostegno e difesa dell'Europa, per un intervento attivo e concreto. Da parte nostra siamo intenzionati dunque a rispettare il Diktat e da una parte non possiamo essere che felici di un Imperatore che si dimostra sì abile e forte nell'affrontare tali situazioni, anche se nei nostri confronti. Chiediamo con umiltà che da ora in poi tale prontezza venga orientata laddove ce ne sia realmente bisogno, perchè i veri nemici dell'Europa sono alle porte. Questa è la nostra intuizione, ma speriamo che possiate realizzare anche voi al più presto la validità delle nostre paure. Promettiamo l'impegno nel mantenere la Buona Diplomazia, ma chiediamo di essere avvertiti in anticipo la prossima volta di tali provvedimenti e con un margine di dialogo. Grazie ancora per l'attenzione. Con la speranza di un Europa non oscurata dall'Oriente, Louis-Joseph de Dyos, Cancelliere del Ducato di Borgogna.
  14. "Un Re che non si comporta da tale umiliando un'altro Re, non e' degno di essere chiamato Re." La nostra arretratezza non ci consente di non interpretare tali affermazioni alla lettera. Il nostro sovrano non è un Re, ma un Duca, e quel periodo perde senso. Il sovrano danese da oggi noto con diversi alias, tra cui ruba-corone da voi appigliato o, come lo chiamano alcuni popoli del nord, capotribù Wittelsbach, ha motivi storici per fare quello che ha fatto. Parlate di de jure, ma quando mai la Crime v'è appertenuta? E quando l'intera Grecia e le isole ioniche? La verità è che il vostro diritto si basa su un espansione che non ha avuto precedenti nel corso della storia. Non mi ripeterò sul Danelaw. Quella è una zona che de jure appartiene alla Danimarca e che abbia deciso di riconquistarla appartiene ai loro affari. Per quel che gli concerne ha più diritto delle vostre conquiste, essendo territori già appartenuti ai danesi PRIMA ANCORA che nascesse l'Inghilterra. Questo dev'essere chiaro. I nostri futuri propositi non sono cambiati, ma rimangono quelli che avevamo definito anni or sono. Le coste normanne riteniamo siano competenza dei francesi che ne hanno di certo più diritto. Altresì non intendiamo spingerci nell'Impero oltre la nostra area di competenza, e dei nostri buoni propositi in merito lo abbiamo ben dimostrato a Sua Maestà l'Imperatore non spingendoci oltre a quanto pattuito e riuscendo a risolvere la prima coalizione con le parole. Sì, se ci permettete, la Buona Diplomazia è proprio risolvere una guerra imminente che sarebbe scoppiata pochi mesi dopo. Kent rappresenta solo una garanzia, perchè di rilevante ha solo la vicinanza con la capitale. Quando l'Inghilterra si sarà restabilita, saremo pronti da parte nostra a restituire quello che voi ritenete ingiusto. E se avete ancora intenzione di dubitare della nostra buona fede, vi preghiamo di interrompere subito il nostro scambio di missive. Personalmente non giungeremo ad accordi per rispettare il volere del Papa, e questo è l'unico vero diktat che tutti i cattolici dovrebbero rispettare. Noi rimaniamo aperti al dialogo, ma non abbiamo ancora ricevuto confutazioni solide a quanto affermato da noi in precedenza, in alcun punto. Fino ad allora, rimarremo indignati e affranti da questo spiacevole evolversi degli eventi, perchè da parte nostra speravamo davvero in un'apertura meno disastrosa con l'Oriente. In fede, Louis-Joseph de Dyos, Cancelliere del Ducato di Borgogna. PS: 3 Province sulla madrepatria sono rientrate nel warscore. Cornovaglia e Galles sono state vassallizzate in seguito. È giusto che qualcuno parli, ma non gli ottomani di certo. La stessa ragione per cui non invierei mai diktat ai Ming dicendogli di lasciar perdere le rivendicazioni in Tibet. Per cose del genere sarebbe stato preferibile un dialogo, non un imposizione la sera prima del multy. Non sono cose che si possono risolvere in dieci minuti.
  15. Avete ragione. La Borgogna e quella rubacorone della Danimarca oltre ad essere barbare sono anche avide. Ma avete detto bene. Solo Austria e Polonia sono intervenute in difesa di Venezia. Castiglia? Non è intervenuta. Portogallo? Non è intervenuto. Aragona? Non è intervenuta. Francia? Non è intervenuta. Provenza? Non è intervenuta. Bretoni? Non sono intervenuti. Inghilterra? Non è intervenuta. Scozia? Non è intervenuta. Leinster? Non è intervenuta. Lorena? Non è intervenuta. Brandenburgo? Non è intervenuto. L'Hansa? Non è intervenuta. Luneburg? Non è intervenuto. Munster? Non è intervenuto. Cleves? Non è intervenuto. Uthrecht? Non è intervenuta. Bruswick? Non è intervenuto. Trier? Non è intervenuto. Cologno? Non è intervenuto. L'Alsazia? Non è intervenuta. Baden? Non è intervenuta. Ravensburg? Non è intervenuta. Norimberga? Non è intervenuta.Asburgo? Non è intervenuta. Salisburgo? Non è intervenuta (Ah no, scusate. L'avevate appena invasa). Ansbach? Non è intervenuta. Baviera? Non è intervenuta. Boemia? Non è intervenuta. Anhalt? Non è intervenuta. Pomerania? Non è intervenuta. Il Palatinato? Non è intervenuto. Svizzera? Non è intervenuta. Savoia? Non è intervenuta. Milano? Non è intervenuta. Toscana? Non è intervenuta. Mantova? Non è intervenuta. Ferrara? Non è intervenuta. Papato? Non è intervenuto (Ehm...). Sassonia? Non è intervenuta. Hesse? Non è intervenuta. Nassau? Non è intervenuta. Francoforte? Non è intervenuta. Teutonici? Non sono intervenuti. Livoni? Non sono intervenuti. Riga? Avrebbe fatto la differenza. Stando alle Vostre parole, allora l'intera Europa è avida per il sol fatto di non essere intervenuta in guerra? E Voi, Imperatore? Incoronato dunque da elettori avidi e da un Papa che lancia crociate senza intervenire? No, non è questo e lo sapete bene. Anche le cose fossero andate così, un conto è l'indifferenza, ma l'altro è schierarsi apertamente con un nemico dell'Europa. Il Doge è ben al corrente di quanto siano intrecciate le nostre due nazioni, e mai si permetterebbe (da diretto interessato) a riferirsi a noi con tal disdegno. Venezia ha perso. Non di certo per colpa Vostra, ma per l'aggressività di un Ottomano che state ora assecondando. Sono cinquant'anni che il Ducato soffre e tenta di sopravvivere anche alle condizioni che Voi stesso avete imposto, e fin'ora nulla ha migliorato la situazione, anzi. C'è una ragione se l'unica grande guerra che abbiamo potuto sostenere è quella contro gli inglesi, e non cerchi di sviare il nocciolo della questione. Non avete confutato nulla della nostra precedente missiva, e possiamo solo dedurre un'incalzante e sconcertante verità in quelle che prima credevamo e speravamo essere soltanto voci. La Cancelleria non accetterà altre risposte del genere, Louis-Joseph de Dyos, Cancelliere del Ducato di Borgogna.