Brodsko

GDR e Contesto
  • Content count

    1519
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    19

1 Follower

About Brodsko

  • Rank
    Imperatore Dio del Jandùr
  • Birthday 08/19/94

Informazioni Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Città
    Vicenza

Accounts

  • Wiki
    Brodsko
  • Steam
    Brodesco
  • PSN
    brodesco
  • Minecraft
    Brodsko

Community

  • Forgotten Coins
    10

Recent Profile Visitors

7097 profile views
  1. La palestra puzzava di sudore e tabacco ma il Generale Corvus rimase impassibile. Era appena entrato e subito si voltò verso il grande specchio, sistemandosi i lunghi capelli canuti dietro le orecchie. «Capitano, abbiamo bisogno dei suoi diavoli...» Disse annoiato il graduato, cercando con lo sguardo il riflesso dell’uomo che gli stava seduto alle spalle. Questi stava sollevando senza fatica un manubrio da 50 chili mentre con la mano libera fumava un "Presidente N°2". «Stessa m3rda, altro giorno.» Borbottò in risposta il Capitano Carmelo Fios, posando il peso e alzandosi in piedi. Carmelo era letteralmente una montagna di muscoli bruciati dal sole e levigati dall’umidità della giungla dell’Arcipelago Marosul, un uomo che non era saggio far arrabbiare. Spense il sigaro con un soffio per poi inforcare gli occhiali a specchio. «Dove andiamo stavolta? Spero non sia ancora qualche dannato namucoso che si diverte a bersagliare i nostri ragazzi su al nord.» Adrien Corvus lasciò passare qualche istante prima di degnarsi a rispondere, adorava dare un senso di solennità e mistero alle sue parole. «Ben più a nord di quanto crede, Capitano.» E sorrise. Un sorriso che a Fios non piaceva. TP sedeva in un locale del porto quando il suo attendente lo avvisò dell’arrivo dei rinforzi da Thortuga. Da quando era arrivato a Spes, mesi prima, non era mai successo nulla di male, fino ad ora. L’improvvisa apertura del portale aveva gettato, ancora una volta, la città nel caos. Lui e la guarnigione modernista accorpata alla Divisione Internazionale di stanza all’ingresso per il Nether avevano faticato parecchio per mantenere l’ordine, tuttavia la richiesta di soccorso da parte del Presidente Feleku sottolineava le più intime preoccupazioni di ogni residente e non. TP si alzò faticosamente e con fare molleggiato si diresse incontro al primo uomo che mise piede a terra dalla nave. «Capitano Fios! Ai vostri ord-» «Grasso ciccione schifoso! Se non fosse che sei figlio di un ex Presidente ti avrei fatto mangiare tanti di quei calci da sfamarti per l’eternità.» Lo rimproverò il Tenente, l'immancabile sigaro tra le labbra screpolate. «Allora, dove sono sti bububiti? Il perimetro difensivo è sicuro? Ho portato un paio di gioiellini di Casiodoro, vedessi! Sparano proiettili esplosivi ad una tale distanza che praticamente la mia presenza qui è solo una formalità!» E mentre diceva questo, il reggimento Punta Cabana iniziava a scaricare armi e bagagli. TP era interdetto, conosceva di fama Fios e i suoi "Diavoli della giungla" ma non pensava assolutamente di aver a che fare con un tale spiegamento di forze. «Ti spiegherò tutto davanti al rancio, del resto è quasi ora di pranzo.» «Sei il solito obeso bastardo, sei fortunato che pure io sono affamato. Maledette barche e il loro rollio del ca.» Il Quartier Generale delle Forze Armate Moderniste era posto in un anonimo edifico a mezza via tra il porto e il portale per il nether. Gentilmente messo a disposizione dal nuovo esecutivo spesiano, poteva passare facilmente per una casa come tante se non fosse stato presidiato giorno e notte da armati. Davanti ad un caminetto spento, il Colonnello Aureliano Iunior Buendìa stava a rimuginare a braccia conserte. Alle sue spalle il Tenente Thomas Pablo Brodèsko y De la Callazula si dondolava su di una sedia troppo esile per la sua corporatura quando, all’improvviso, dall’uscio apparvero tre figure: il muscoloso Fios seguito da due sottufficiali. «Scusi il ritardo, Colonnello, tuttavia i KG avevano bisogno di essere calibrati al più presto.» Disse il più esile del trio. La sua uniforme da Sergente macchiata di olio motore e impregnata di fuliggine. «Sergente Casiodoro, data la sua missione di fondamentale importanza è perdonato. Riguardo a voi, Capitano Fios e Tenente Hernanvez?» Fios rimase impassibile, non era tipo da seguire la seppur minima etichetta militare ma era proprio questo il suo punto forte assieme all'imprevedibilità e l'adattabilità. Emilio Hernanvez, invece, tentò di balbettare qualche scusa ma venne presto ammutolito dall’ufficiale. «Bando alle chiacchiere, abbiamo perso anche troppo tempo. La situazione credo vi sia già chiara a tutti eppure vi ho riuniti qui e volete sapete il perché?» Non ci fu risposta. «Perché siete i discendenti delle meglio famiglie di Thortuga, da Thoringrad ad oggi!» TP alzò lo sguardo al cielo e sussurrò ad Hernanvez. «Oh no, eccolo che ricomincia…» Buendìa aveva ereditato dal padre la propensione ai discorsi di incoraggiamento, oltre che la tradizione tutta tortughese di mischiare affari politici e militari. «Memori del sangue versato dai vostri padri, sarete risoluti nelle decisioni, sprezzanti del pericolo, alacri nel combattimento e disposti al sacrificio. Quindi andate la fuori e dimostratemi di che carne siete fatti!» E mentre pronunciava l’ultima sillaba, le gambe della sedia di TP cedettero di colpo, mandando all’aria il grasso Tenente che, ancora una volta, era riuscito nella sua impossibile impresa. Ridicolizzare tutto ciò che il Colonnello riteneva sacro.
  2. In Settima era ci sarà una popolazione di foche antropomorfe chiamate "Fochi". Siete tutti incoraggiati a crearvi un pg di tale etnia. Grazie.
  3. Appassionante, pieno di colpi di scena e con un finale direi shakespeariano. Molto più potabile del Silmarillion.
  4. Da qualche settimana mi è tornata la voglia di leggere quei grandi classici opera del sommo Professor Tolkien. Questa è la mia edizione dello Hobbit, comprato anni fa e mai finito, fino ad ora. Una storia di avventura e fantasia per bambini ma con una narrazione e poesia adatta anche ai più adulti. Ora proverò qualcosa di leggermente più impegnativo dello stesso autore.
  5. 2° Darbis di Venes 3057 d.F. Firma dei "Protocolli di Niuop" da parte di Paul Sarps per la Provincia Libera di Niuop, Garul Digres per la Confederazione dell'Uninè Sonesdur, Javier Herrera Maria y Nyhon de la Bresa per la Repubblica Modernista di Sant'Elio, Ramona Fèren per l'Alveare e Kalòs Feleku per il Protettorato di Spes. Viene creato l'Organismo Internazionale per il Mantenimento dell'Armonia (O.I.M.A.). Tale organizzazione sopra statale viene incaricata di amministrare il processo d'indipendenza dell'Alveare e le riforme istituzionali in Spes. 2° Lebis di Venes 3057 d.F. Ramona Fèren proclama la nascita del Regno dell'Alveare e si incorona Ramona I. Una divisione dell'Armata Confederale si schiera a protezione del traffico per e dalla superficie al Nether, viene così assicurata la libera circolazione di beni e persone. 1° Darbis di Falam 3057 d.F. Inizia il pagamento dell'indennizzo trentennale del Regno dell'Alveare a Spes. Contemporaneamente si conclude il referendum istituzionale nell'ex protettorato, viene dunque proclamata la Repubblica Spesiana. 2° Simbis di Varpu 3057 d.F. Kalòs Feleku è eletto Presidente e Tràin Kerisùg Primo Ministro della Repubblica Spesiana.
  6. Ho finito di leggere il Decameron dei Morti. Lettura davvero piacevole anche se le prime storie non sono avventurose e divertenti come le ultime. Ora sto leggendo questo libercolo. Nord America, 1876. Tra le ombre della frontiera e i falò di rivolta dei nativi, il veterano della guerra civile Giuseppe Garibaldi invecchia nella sua leggenda. La visita inattesa del pistolero-stregone Ofiuco riporterà l'eroe dei Due Mondi a imboccare il sentiero tortuoso della sua ultima, grande avventura. Al seguito del Settimo Cavalleggeri del colonnello Custer, Garibaldi e Ofiuco affronteranno la lunga marcia verso Little Bighorn e un'antica maledizione che dalle riserve indiane minaccia di travolgere la civiltà. Una storia di "nostrano" West, polverosa e onirica, dove anche i grandi eroi abbandonano l'epica per morire da uomini.
  7. L'anno nuovo porta sempre con se nuove beghe da sistemare. Aggiungi il fatto che molte persone sono in sessione d'esame fino a metà\fine febbraio e tutto si spiega.
  8. Ad un certo punto la specializzazione necessaria è talmente alta che è impossibile continuare. Il nostro villaggio raggiunta la sicurezza, l'indipendenza alimentare ed energetica, si è lentamente sfaldato. Purtroppo essendo un server tecnico non c'è posto per l'area "umanistica" dei Builder e del Gdrrista. Nemmeno posto per il pvpparo. Un Mirias Towny GDR PVP lo giocherei senz'altro.
  9. Riviera Napalm è stata una lettura ostica per lo stile tuttavia non insormontabile anche perché non è un tomo tanto spesso. Ora sto leggendo questo: Dieci storie di altrettanti sopravvissuti raccontano i terribili avvenimenti di un'epoca oscura in cui l'Europa cadde nella morsa della mortifera pestilenza in grado di far rialzare i morti. Tre donne e sette uomini narrano le vicende loro e della compagnia in cui militano, in modo da lasciare un ricordo di quei terribili giorni, e perché la loro esperienza possa essere di aiuto alle generazioni future.
  10. Bentornato! Causa sessione invernale è da un po' che non entro sul Server di Mirias ma ti consiglio di farci un salto. Sai mai cosa trovi.
  11. Dopo il Crollo, l’estate dura sei mesi e in Emilia Romagna vigono i decreti anti-mutagene. Gli inquisitori di Bonificato I, papa morto tre volte e risorto due, premono sulla Linea Gotica, difesa da falangi di culturisti ultrà. Albanesi bionici pirateggiano l’Adriatico, brodo di scorie e orrori radioattivi che gli intrepidi Vigili del Fuoco irrorano di Napalm. I cellulari non prendono quasi mai, le cedrate costano un rene e il luppolo è uno dei monopoli a marchio Koop. Dalle Due Torri al Cocoricò, dall’autodromo di Santa Monica alle Valli di Comacchio, tra Bagnini-sceriffi, robo-cassiere e predoni della VR46, l’ultimo dei Bolognesi e il mutante più sborone di Riccione battono gli asfalti e le sabbie della Riviera al ritmo snuff-glamour dell’unico network, Radio Attiva. Il Cinno e il Gasato picchiano duro e non accettano compromessi: nemmeno di fronte all’Apocalisse.
  12. Buonasera, anche Thortilla vorrebbe poter essere ufficialmente fondata. Per le 24 di questa sera avremo tutti prerequisiti.
  13. La comunità di Thortilla è impaziente di ricevere tali mezzi al fine di migliorare la vita dei propri abitanti. Inoltre speriamo di incontrare altre società al fine di condividere assieme tecnologie, cultura e, perché no, qualche bella pinta di sidro.
  14. Ok, continuiamo ad usare il mezzo forum. Quali sono le proposte delle diverse città? GDR off per cortesia.