Diego30090

Membri
  • Numero post

    684
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Numero di giorni vittoriosi

    3

3 Seguaci

Su Diego30090

  • Rango
    Barone del Jandùr
  • Compleanno 30/09/2000

Accounts

  • Wiki
    Dinastia_Zamputor
  • Steam
    diego3009

Community

  • Forgotten Coins
    7

Visite recenti

2.291 visite al profilo
  1. Evento

    voto per 3. GetALive
  2. Lontani erano i tempi in cui Ascalon dava appoggio a Dragonia. Inspiegabilmente, nell’anno 3018 d.f., gli Ascaloniani guidati dal re Sclerus Malevolus cercarono di corrompere con una cospicua ricompensa, alcuni membri della casata Drengot affinché dessero informazioni in merito a Dragonia e tradisero gli Apolisiani stessi. I disagi causati da questo sporco gioco ricoprivano la sfera di Attività commerciali chiuse inspiegabilmente, la scomparsa di materiale militare inventariato e la diffusione di false informazioni. Dopo un anno di indagini, venne scoperto il gioco di Ascalon da parte dei R.O.I. I traditori vennero giustiziati per alto tradimento e fu intimato ad Ascalon che avrebbe pagato tale affronto ed i membri della casata Drengot non potevano sopportare i vari danni provocati da tale città. La rabbia provocata da ciò non poteva essere messa da parte, necessitava di una risposta. Kalarog Drengot spedì diversi suoi uomini per compiere razzie in territorio nemico, promettendo vendetta dei torti subiti. La cosa non venne tollerata da Ascalon, tantomeno dalla propria “sorella” Denrak. Dragonia, con un abile gioco di parole, venne dipinta come un covo di criminali e banditi, evitando di nominare i disagi creati da Ascalon stessa. La situazione risultò un’escalation di rapporti diplomatici tra le due Potenze. Dopo l’ultima missiva inviata da Ascalon a Dragonia, tutte le casate nobiliari Apolisiane si mobilitarono per dichiarare guerra al Regno di Eberia ed i suoi alleati a causa dei crimini da loro commessi. Sapendo che il "Covo delle Serpi" aveva l’intento di epurare Dragonia dal Piano, le nazioni facente parte della Coalizione Anti-Dragonia vennero considerate parte di esso. Diversi giorni prima della battaglia, un contingente piena di viveri e rifornimenti militari, fu inviata a Titanya. La città, di fatto, si stava preparando assieme a tutte le città dell’Asse dei Cieli per il Grande Giorno. Un consigliere di Titanya, legato al Covo delle Serpi, dirottò la spedizione verso Nocturna, tradendo la città stessa. Conseguenza di ciò fu un gran disagio per i Titani, impedendo al suo numeroso esercito di armarsi in tempo. Il morale era picco, le fatiche fatte fino a questo momento sembravano tutte vane, non era presente un barlume di speranza. Un informatore di Dragonia, a conoscenza di tali informazioni, abbandonò subito la nazione di Kolos, portando subito la notizia di tali danni all’Asse tutto. Dopo 5 giorni Dragonia si stava già mobilitando, la produzione di materiale bellico era imponente di fronte all’esiguo numero di uomini presenti in Apolisia. Grazie a ciò, un’ingente quantità di rifornimenti venne spedita in un convoglio verso Titanya. Dopo tali inganni, tradimenti e sotterfugi tutto sembrava avverso, in apparenza anche i Superni facevano parte di questa sciagura. Prima della partenza, il Re Melkas Zamputor, dopo aver incitato l’esercito per la guerra, lesse la profezia di Endul e si soffermò sulla parte “Andate o figli miei, non temete i giorni empiei”. Dopo le suddette parole, il coraggio infuso nei soldati scaturì in un urlo all’unisono “Urrà! Urrà! Per Endulson!”. Poco dopo l’esercito partì verso l’Adegun, il campo di battaglia si stava avvicinando.
  3. Ad Ascalon, In nome e per conto dell'intera Asse dei Cieli, comunichiamo che: anche noi riteniamo necessario un incontro per poter dibattere serenamente delle condizioni riguardanti la Vostra resa e per poter stabilire le fondamenta del discorso attraverso il quale si possano superare anche gli attriti futuri e, consci del fatto che quella che qui stiamo conducendo non è un semplice accordo di pace ma, di fatto, un'offerta di pace a seguito di una sconfitta da voi patita sul campo, proponiamo come città ospitante la Conferenza di Pace l'illustrissima città di Niuop, città sussidiaria della vittoria dell'Asse, nonché sede del foro presso il quale sarà giudicato Edip Tankson per i reati commessi dalla madre, la fu Noah Tankson. A quest'ultimo proposito accettiamo di buon grado le vostre condizioni: il trattato di collaborazione internazionale sarà stilato preliminarmente all'inizio del processo. Ricordiamo inoltre che consideriamo come accettata la presenza di giudici niuoppiani per la metà spettante all'Asse del corpo di giudici che si esprimerà sulla questione. E' mio preciso compito inoltre rasserenarvi sulla sicurezza della città Niuop come sede per delle pacifiche trattative tuttavia, come richiestomi dal suo Lord Protettore, notifico la possibilità di contattare Spes come elemento garante della sicurezza dei messi alleati una volta giunti nei loro alloggi presso la capitale della Provincia Libera. Come specificato ad alcuni dei capi della vostra alleanza siamo dolenti di comunicare che finché la Conferenza non avrà luogo a Niuop non siamo nelle condizioni di porre fine a quegli atti che voi avete giudicato "episodi di violenze e razzie". Re Melkas Zamputor
  4. Ad Ascalon, Noi dell'Asse dei Cieli abbiamo potuto notare la vostra inferiorità in tutti i campi, pertanto vi diamo la possibilità di redimervi. Per ottenere la pace, le nostre richieste sono le seguenti: -300 k di zenar da parte di tutto il vostro schieramento, per il risanamento delle spese di guerra -Il rispetto del contratto di Kiaj, ovvero: Tankero [GDRON Noah e/o i suoi eredi] sarà sottoposto a giudizio per aver rotto il contratto stipulato e garantito dalla città di Niuop (ci aspettiamo che la metà dei giudici siano niuoppiani) le cui indagini saranno condotte dall'U.P.S. mentre il processo sarà svolto in accordo con le leggi di Niuop Detto ciò, attendiamo una vostra risposta repentina. Re Melkas Zamputor, Rappresentante di Dragonia nell'Asse dei Cieli (subito sotto, le firme in calce dei rappresentanti dell'Asse)
  5. Nazioni coinvolte: Schieramento 1: Regno di Apolisia, Provincia Libera di Niuop, Regno di Kolos Schieramento 2: Repubblica Presidenziale di Eberia, Thortuga, Denrak, Nocturna, Iphae Città o provincia nazionale bersaglio: Ascalon Motivazioni GDR ON Motivazioni GDR Off Screen indicanti cittadini, punti influenza e zenar delle nazioni coinvolte: Persone autorizzate a compiere il pagamento dei costi di guerra: Diego30090
  6. Ad Ascalon, dopo accurate ma tardive indagini (causate dall'evento del Braccio), i ROI hanno individuato danni nei confronti di Dragonia, tramite tentativi di diffusione del malcontento cittadino nel nascente quartiere Drengot. Alla luce di tali fatti, Apolisia dichiara aperte le ostilità con Ascalon. Se siete intenzionati a far tornare i rapporti neutrali, pagate una somma di 900000 zenar, per le ingenti spese sostenute dall'Asse dei Cieli per ristabilire lo status quo a Dragonia. Una vostra risposta è attesa entro una ventina di giorni (off game entro il 24/11 alle 15:30), altrimenti verrà considerato come un totale rifiuto diplomatico. Il Re di Apolisia, Melkas Zamputor
  7. Al Governo di Thortuga, se vi rispondiamo è solamente perchè proviamo pietà verso di voi. Vi devo informare che il Regno di Apolisia non deve dare spiegazioni delle proprie azioni ad altri, tanto meno a dei Modernisti. Il fatto che Niuop abbia dei problemi interni causati dal Modernismo, è la prova eclatante di come sia deviata tale mentalità e l'alleanza Dragonia-Niuop-Titanya è stata creata per riportare quei liberi cittadini all'ordine, evitando che danni siano arrecati a Niuop stessa. Non osate più importunare l'Illustre Regno di Apolisia con simili richieste di spiegazione o provvederemo con l'ausilio di armi. Se volete che i raid finiscano, interrompete ogni rapporto diplomatico con Denrak, altrimenti la morte sarà la vostra unica scelta. Vi abbiamo avvisati Melkas Zamputor Re di Apolisia e Capo dei ROI e capo della Chiesa Bucossea
  8. Dopo mooolto tempo, vorrei riesumare questo topic. La città di Dragonia è interessata a sviluppare le fungovie per la tratta Dragonia-Skejit. Inizialmente, verranno sviluppate in modo primitivo, per ottimizzare il tempo. In seguito, verranno completate
  9. Melkas Zamputor, Re del Regno di Apolisia, prende visione e sottoscrive
  10. Vera Endel, colei a capo dei corpi speciali e di quel manipolo di guardie, prese l'anello con un pezzo di stoffa in modo da non contaminare le prove e lo esaminò. Lei alzò la testa, si rivolse verso il valletto "Hai notato qualcos'altro oltre a questo anello?" Il valletto non fece in tempo a rispondere, quando arrivò un nobile trafelato e prese parola "Ho sentito dei passi veloci una volta che è stato dato l'allarme, ho visto una figura incappucciata dirigersi in quella zona" ed indicò la zona della fuga. Vera si rivolse alle guardie "Fate bloccare tutti gli accessi del Palazzo Reale e trovate questo maledetto ladro! Non può essere andato troppo lontano" Quattro guardie si divisero nei 2 corridoi laterali di quella zona, in modo da rendere più efficienti le ricerche. Altre tre guardie, corsero fuori dalla Sala, avvisando le altre guardie di chiudere tutti i vari passaggi ed iniziarono le varie ricerche Vera aveva al suo fianco le ultime 2 guardie. Perciò, incaricò ad una delle due di controllare nei registri delle casate reali chi potesse essere ricondotto alle lettere presenti nell'anello. La faccenda era strana, c'era la remota possibilità di un Colpo di Stato o di attacchi esteri, bisognava risolverla alla svelta.
  11. Darkbis 19 Venes 3015 Ai diplomatici della Provincia Libera di Niuop, il Regno di Apolisia ha potuto ampiamente notare i problemi con L'alleanza dei Mari Centrali come accaduto con noi in passato. Abbiamo intenzione di offrirvi supporto bellico ed economico e la possibilità di formare un'alleanza, con lo scopo di estirpare il germe dello Statalismo Thortughese. In attesa di una vostra risposta, Il Re Virkutos Zamputor
  12. Simbis 23 Falam 3014 Al regno di Kolos, Apolisia tutta ha potuto notare i disagi economici che stanno perpetrando la vostra nazione. Pertanto, i nobili di Dragonia hanno deciso di effettuare un finanziamento a fondo perduto di 300.000 zenar per sollevare i vostri problemi. Tali soldi verranno consegnati direttamente al Re Simon Magis Il Re, Melkas Zamputor