digreG

Membri
  • Numero post

    1.259
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Numero di giorni vittoriosi

    26

1 Seguace

Su digreG

  • Rango
    Imperatore del Jandùr

Accounts

  • Wiki
    http://wiki.forgottenworld.it/Digres

Visite recenti

1.023 visite al profilo
  1. Auguri di buon anno a tutti

  2. COSTITUZIONE FEDERALE Preambolo I Popoli del Regno di Denrak e della Repubblica di Eberia, Consci della loro responsabilità di fronte al piano, Risoluti a fondare l’alleanza confederale e a consolidarne la coesione interna, al fine di rafforzare la libertà e la democrazia, l’indipendenza e la pace, in uno spirito di solidarietà e di apertura ai Popoli ed alle genti di tutto il Karaldur, Determinati a vivere la loro molteplicità nell’unità, nella considerazione e nel rispetto reciproci, Coscienti delle acquisizioni comuni nonché delle loro responsabilità verso le generazioni future, Consci che libero è soltanto chi usa la sua libertà e che la forza di un popolo si commisura al benessere dei più deboli dei suoi membri, si sono dati la presente Costituzione. Titolo primo: Disposizioni generali Art. 1 Confederazione dell'Uninè Sonesdur (CUS) I Popoli, le Città e le Provincie del Regno di Denrak e della Repubblica di Eberia , costituiscono la Confederazione dell'Uninè Sonesdur Art. 2 Scopo La Confederazionedell'Uninè Sonesdur tutela la libertà e i diritti del Popolo e salvaguarda l’indipendenza e la sicurezza della Nazione. Promuove in modo sostenibile la comune prosperità, la coesione interna e la pluralità culturale della Nazione. Provvede ad assicurare quanto possibile pari opportunità ai cittadini. Si impegna per la conservazione duratura delle basi naturali della vita e per un ordine internazionale giusto e pacifico. Art. 3 Federalismo I Paesi sono sovrani per quanto la loro sovranità non sia limitata dalla Costituzione federale ed esercitano tutti i diritti non delegati alla Confederazione. Art. 4 Lingue nazionali Le lingue nazionali sono il Denai, Spesiano, Denkarej, Akomar, Skerako, Aeglis. Titolo secondo: Diritti fondamentali, diritti civici e obiettivi sociali Capitolo 1: Diritti fondamentali Art. 5 Dignità umana La dignità della persona va rispettata e protetta. Tutti sono uguali davanti alla legge. Nessuno può essere discriminato, in particolare a causa dell’origine, della razza, del sesso, dell’età, della lingua, della posizione sociale, del modo di vita, delle convinzioni religiose, filosofiche o politiche, e di menomazioni fisiche, mentali o psichiche. Uomo e donna hanno uguali diritti. La legge ne assicura l’uguaglianza, di diritto e di fatto, in particolare per quanto concerne la famiglia, l’istruzione e il lavoro. Uomo e donna hanno diritto a un salario uguale per un lavoro di uguale valore. Ognuno ha diritto d’essere trattato senza arbitrio e secondo il principio della buona fede da parte degli organi dello Stato. Art. 6 Diritto alla vita e alla libertà personale Ognuno ha diritto alla vita. La pena di morte è vietata. Ognuno ha diritto alla libertà personale, in particolare all’integrità fisica e psichica e alla libertà di movimento. La tortura nonché ogni altro genere di trattamento o punizione crudele, inumano o degradante sono vietati. I fanciulli e gli adolescenti hanno diritto a particolare protezione della loro incolumità e del loro sviluppo. Chi è nel bisogno e non è in grado di provvedere a sé stesso ha diritto d’essere aiutato e assistito e di ricevere i mezzi indispensabili per un’esistenza dignitosa. Ognuno ha diritto al rispetto della sua vita privata e familiare, della sua abitazione, della sua corrispondenza. La libertà di credo e di coscienza è garantita. Ognuno ha il diritto di scegliere liberamente la propria religione e le proprie convinzioni filosofiche e di professarle individualmente o in comunità. Ognuno ha il diritto di aderire a una comunità religiosa, di farne parte e di seguire un insegnamento religioso. Nessuno può essere costretto ad aderire a una comunità religiosa o a farne parte, nonché a compiere un atto religioso o a seguire un insegnamento religioso. La libertà d’opinione e d’informazione è garantita. Ognuno ha il diritto di formarsi liberamente la propria opinione, di esprimerla e diffonderla senza impedimenti. La censura è vietata. I diritti politici sono garantiti. Il diritto a un’istruzione scolastica di base sufficiente e gratuita è garantito. La libertà della ricerca e dell’insegnamento scientifici è garantita. La libertà dell’arte è garantita. Ognuno ha il diritto di costituire associazioni, di aderirvi o di farne parte e di partecipare alle attività associative. Nessuno può essere costretto ad aderire a un’associazione o a farne parte. La proprietà è garantita. La libertà economica è garantita. I lavoratori e i datori di lavoro nonché le loro organizzazioni hanno il diritto di unirsi e di costituire associazioni a tutela dei loro interessi, nonché il diritto di aderirvi o no. Art. 7 Garanzie Giudiziarie generali In procedimenti dinanzi ad autorità giudiziarie o amministrative, ognuno ha diritto alla parità ed equità di trattamento, nonché ad essere giudicato entro un termine ragionevole. Le parti hanno diritto d’essere sentite. Chi non dispone dei mezzi necessari ha diritto alla gratuità della procedura se la sua causa non sembra priva di probabilità di successo. Ha inoltre diritto al patrocinio gratuito qualora la presenza di un legale sia necessaria per tutelare i suoi diritti. Nelle cause giudiziarie ognuno ha diritto d’essere giudicato da un tribunale fondato sulla legge, competente nel merito, indipendente e imparziale. Nessuno può essere privato della libertà se non nei casi previsti dalla legge e secondo le modalità da questa prescritte. Ognuno è presunto innocente fintanto che non sia condannato con sentenza passata in giudicato. Art. 8 Attuazione e Limiti dei diritti fondamentali I diritti fondamentali devono improntare l’intero ordinamento giuridico. Le restrizioni dei diritti fondamentali devono avere una base legale. Se gravi, devono essere previste dalla legge medesima. Sono eccettuate le restrizioni ordinate in caso di pericolo grave, immediato e non altrimenti evitabile. Le restrizioni dei diritti fondamentali devono essere giustificate da un interesse pubblico o dalla protezione di diritti fondamentali altrui. I diritti fondamentali sono intangibili nella loro essenza. Capitolo 2: Diritti civici e Obiettivi sociali Art. 9 Diritti di cittadinanza La Confederazione disciplina l’acquisizione e la perdita della cittadinanza. Ha la cittadinanza confederale chi risiede stabilmente in una Città Confederata nella Nazione. È cittadino della confederazione chi nasce nel territorio di una delle Città della Nazione. È cittadino della confederazione chi nasce in una Nazione estera ed è figlio di un cittadino Confederale. Possono richiedere la cittadinanza Confederale stranieri che ne facciano richiesta alle Autorità cittadine e ricevano il nulla osta confederale. Art. 10 Obiettivi sociali la Confederazione e le Città, si adoperano affinché: ognuno sia partecipe della sicurezza sociale; ognuno fruisca delle cure necessarie alla sua salute; la famiglia sia promossa e protetta quale comunità di adulti e bambini; le persone abili al lavoro possano provvedere al proprio sostentamento con un lavoro a condizioni adeguate; ognuno possa trovare, per sé stesso e per la sua famiglia, un’abitazione adeguata e a condizioni sopportabili; i fanciulli e gli adolescenti nonché le persone in età lavorativa possano istruirsi e perfezionarsi secondo le loro capacità; i fanciulli e gli adolescenti siano aiutati nel loro sviluppo, cosicché diventino persone indipendenti e socialmente responsabili, e sostenuti nella loro integrazione sociale, culturale e politica. ognuno sia assicurato contro le conseguenze economiche della vecchiaia, dell’invalidità, della malattia, dell’infortunio, della disoccupazione, della maternità, dell’orfanità e della vedovanza. Capitolo 3: Competenze Art. 11 Affari esteri 1 Gli affari esteri competono alla Confederazione. La Confederazione si adopera per salvaguardare l’indipendenza e il benessere della Nazione; contribuisce in particolare ad aiutare le popolazioni nel bisogno e a lottare contro la povertà nel mondo, contribuisce a far rispettare i diritti umani e a promuovere la democrazia, ad assicurare la convivenza pacifica dei popoli nonché a salvaguardare le basi naturali della vita. La Confederazione tiene conto delle competenze delle Città e ne salvaguarda gli interessi. La Confederazione tutela nel quadro dei rapporti internazionali i cittadini, i loro beni ed i loro interessi, negli stati esteri. Art. 12 Sicurezza Nell’ambito delle loro competenze, la Confederazione e le Città provvedono alla sicurezza del Paese e alla protezione della popolazione. Coordinando i loro sforzi nel settore della sicurezza interna. Art. 13 Esercito Soltanto la Confederazione ha il potere di disporre dell’esercito. L’esercito serve a prevenire la guerra e contribuisce a preservare la pace; difende il Paese e ne protegge la popolazione. Ogni Città della confederazione ha il dovere di contribuire alla formazione ed al mantenimento dell’esercito secondo le sue possibilità. La Confederazione emana prescrizioni contro l’abuso di armi, accessori di armi e munizioni. Emana prescrizioni sulla fabbricazione, l’acquisto e lo smercio nonché sull’importazione, l’esportazione e il transito di materiale bellico. Art. 14 Autonomia delle Città La Confederazione salvaguarda l’autonomia delle Città. Lascia alle Città sufficienti compiti propri e rispetta la loro autonomia organizzativa. Lascia alle Città anche sufficienti fonti di finanziamento e contribuisce a fare in modo che esse dispongano dei mezzi finanziari necessari per adempiere i loro compiti. Art. 15 Preminenza e rispetto del diritto federale Il diritto federale prevale su quello delle Città. La Confederazione vigila sul rispetto del diritto federale da parte delle Città. La legislazione nel campo del diritto penale e della procedura penale compete alla Confederazione. L’organizzazione dei tribunali e l’amministrazione della giustizia in materia penale, nonché l’esecuzione delle pene e delle misure competono alle Città, salvo diversa disposizione della legge. La legislazione nel campo del diritto civile e della procedura civile compete alla Confederazione. L’organizzazione dei tribunali e l’amministrazione della giustizia in materia civile competono alle Città, salvo diversa disposizione della legge. Art. 16 Scuola e ricerca Il settore scolastico, primario e secondario, compete alle Città. L’istruzione di base è obbligatoria e sottostà alla direzione o vigilanza dello Stato federale. Nelle scuole pubbliche è gratuita. La Confederazione gestisce le università ed i politecnici federali. Può istituire, rilevare o gestire altre scuole universitarie e altri istituti accademici. La Confederazione promuove la ricerca scientifica e l’innovazione, e può istituire, assumere in proprio o gestire centri di ricerca. Art. 17 Sport La Confederazione promuove lo sport, in particolare l’educazione sportiva. Art. 18 Cultura Il settore culturale compete alle Città. La Confederazione può sostenere attività culturali d’interesse nazionale e promuovere l’espressione artistica e musicale, in particolare tramite la formazione. Nell’adempimento dei suoi compiti, tiene conto della pluralità culturale e linguistica del Paese. Art. 19 Stato e Religioni Nell’assoluto rispetto della libertà di culto, nessuna chiesa o religione può interferire, contestare o contrastare l’ordinamento e le leggi dello Stato. Nell’ambito delle loro competenze, la Confederazione e le Città possono prendere provvedimenti per preservare la pace pubblica fra gli aderenti alle diverse comunità religiose. Art. 20 Misurazione La misurazione nazionale compete alla Confederazione. La Confederazione emana prescrizioni sulla misurazione ufficiale. Capitolo 4: Ordinamento finanziario Art. 21 Principi dell’ordinamento economico La Confederazione e le Città si attengono al principio della libertà economica, tutelano gli interessi dell’economia nazionale e contribuiscono con l’economia pubblica al benessere e alla sicurezza economica della popolazione. Nell’ambito delle loro competenze provvedono per condizioni quadro favorevoli all’economia privata. La Confederazione può emanare prescrizioni sull’esercizio dell’attività economica privata. Art. 22 Gestione finanziaria La Confederazione equilibra a lungo termine le sue uscite ed entrate. L’importo massimo delle uscite totali da stanziare nel preventivo dipende dalle entrate totali stimate, tenuto conto della situazione economica. La Confederazione riscuote un’imposta diretta, attraverso le amministrazioni Cittadine. Titolo Terzo: Autorità federali Capitolo 1: Disposizioni generali Art. 23 Diritti politici I diritti politici in materia federale spettano a tutte le persone con diritto di cittadinanza che hanno compiuto il diciottesimo anno d’età, purché non siano interdette per infermità o debolezza mentali, o provvedimenti giudiziari. Tutte hanno gli stessi diritti e doveri politici. Art. 22 Iniziativa popolare per la revisione totale della Costituzione federale 1 000 000 aventi diritto di voto possono proporre la revisione parziale o totale della Costituzione. Tale proposta va sottoposta al Popolo per approvazione. Se il Popolo approva l’iniziativa, l’Assemblea federale elabora il progetto proposto nell’iniziativa. L’iniziativa presentata in forma di progetto elaborato è sottoposta al voto del Popolo e delle Città. L’Assemblea federale ne raccomanda l’accettazione o il rifiuto. Può contrapporle un controprogetto. Art. 24 Maggioranze richieste I testi sottoposti al voto del Popolo sono accettati se approvati dalla maggioranza dei votanti. I testi sottoposti al voto del Popolo e delle Città sono accettati se approvati dalla maggioranza dei votanti e dalla maggioranza delle Città. Art. 25 Eleggibilità È eleggibile al Consiglio Federale e al Tribunale federale chiunque abbia diritto di voto. Capitolo 2: Organi Confederali Sezione 1: Organizzazione Art. 26 Statuto Sono Organi della Confederazione: Il Presidente della Confederazione; Il Consiglio Nazionale; Il Tribunale Federale; Il Consiglio Nazionale esercita il potere supremo nella Confederazione, fatti salvi i diritti del Popolo e delle Città. Art. 27 Composizione ed elezione del Consiglio Nazionale Il Consiglio Nazionale è composto di 7 deputati del Popolo. I deputati sono eletti dal Popolo a suffragio diretto secondo il sistema proporzionale. Ogni quinquennio si procede al rinnovo integrale; Ogni Città forma un circondario elettorale; I seggi sono ripartiti tra i Cantoni proporzionalmente alla loro popolazione. Ogni Città ha diritto almeno a un seggio; I Sindaci delle Città sono membri di diritto del Consiglio Nazionale. Il Presidente della Confederazione presiede il Consiglio Nazionale; Art. 28 Commissioni e Gruppi Il Consiglio nazionale può istituire commissioni al suo interno. Per adempiere i loro compiti, le commissioni dispongono dei diritti d’informazione, consultazione e inchiesta. I membri del Consiglio nazionale possono costituirsi in gruppi. Sezione 2: Competenze e Procedura Art. 28 Competenze del Consiglio Federale Il Consiglio Federale si riunisce in Seduta Solenne Plenaria per procedere alla elezione: del Presidente della Confederazione; dei Giudici del Tribunale Federale; Il Consiglio Federale si riunisce in Seduta ordinaria per: emanare norme di diritto sotto forma di legge federale o ordinanza. Approvare Decreti Federali Presidenziali; per istituire commissioni ed eleggerne il Presidente; Per approvare trattati internazionali; Per approvare Dichiarazioni di Guerra; risolvere i conflitti di competenza tra le autorità Cittadine; per decidere sulle domande di grazia. Per deliberare sulla validità o sulla nullità di un’iniziativa popolare; Stabilire le quote di tasse e contributi a carico della fiscalità cittadina; Approva il bilancio annuale dello stato; prende provvedimenti a tutela della sicurezza esterna e dell’indipendenza della nazione; prende provvedimenti a tutela della sicurezza interna; Art. 29 Competenze del Presidente della Confederazione Presiede il Consiglio Federale; Presiede il Tribunale Federale; Rappresenta gli interessi Nazionali con gli stati esteri; È il Comandante in Capo delle Forze Armate; Emana Decreti Federali; Art. 30 Procedure il Consiglio Federale delibera validamente se è presente la maggioranza dei suoi membri, con maggioranza semplice; Il consiglio Federale in seduta plenaria per le cariche elettive richiede la maggioranza assoluta dei votanti; Sezione 3: Tribunale federale e altre autorità giudiziarie Art. 31 Statuto del Tribunale federale Il Tribunale federale è l’autorità giudiziaria suprema della Confederazione. La legge ne stabilisce l’organizzazione e la procedura. Il Tribunale federale gode di autonomia amministrativa. Art. 32 Competenze del Tribunale federale Il Tribunale federale giudica le controversie per violazione: del diritto federale; del diritto internazionale; dei diritti costituzionali cittadini; Il Tribunale federale giudica inoltre le controversie tra la Confederazione e le Città e quelle tra Città. Gli atti del Presidente della Confederazione e del Consiglio Nazionale non possono essere impugnati presso il Tribunale federale. Art. 33 Altre autorità giudiziarie della Confederazione La Confederazione istituisce una Corte penale; la Corte giudica in prima istanza le cause penali che la legge attribuisce alla giurisdizione federale. La Confederazione istituisce autorità giudiziarie per giudicare le controversie di diritto pubblico inerenti alla sfera di competenze dell’amministrazione federale. Art. 34 Autorità giudiziarie delle Città Le Città istituiscono autorità giudiziarie per giudicare le controversie di diritto civile e di diritto pubblico nonché le cause penali. Art. 35 Indipendenza del giudice Nella loro attività giurisdizionale le autorità giudiziarie sono indipendenti e sottostanno al solo diritto.
  3. L'arrivo di Lady Makuron aveva troncato sul nascere la risposta che Ulein stava per pronunciare, guardò Lemintor con un'occhiata interrogativa cercando di capire come inserirsi in quella conversazione che ad ogni istante aumentava di partecipanti, e lui cogliendo il momento di pausa involontaria della signorina Nikhal, subito disse: <Dicevi cara?> lei pronta intervenne: <Dottor Lividian, ovvio che non solo apprezzi ma ammiri da sempre i vostri lavori. Poi con la creazione di questo centro di ricerca, le potenzialità d'esplorazione in ogni campo della scienza saranno incredibili, lo splendore di queste avveniristiche strutture illuminerà, con l'apporto di nuove conoscenze, l'intero Kalandur.> Poi rivolgendosi a tutti i presenti che oramai avevano creato involontariamente un capannello intorno allo scenziato ed alla Protettrice aggiunse melliflua: <Credo che un buon indicatore dell'apprezzamento e dell'importanza del suo Nuovo Centro di Ricerca, sia evidente dalla partecipazione così imponente di ospiti da ogni dove.> @livid @Miluna @2digreS @TheSilentFog @micangio
  4. <Ma è fantastico!....> Durtor era rimasto quasi senza parole, appena entrato nella grande sala del Centro e continuava a far correre lo sguardo lungo le esili ma potenti strutture che innervavano la maestosa cupola di cristallo. Al suo fianco Lemintor lo osservava estasiato, sapeva che quello sarebbe stato il luogo dove lui e la sua famiglia avrebbero potuto vivere il più incredibile dei viaggi e la più avvincente delle avventure che l'uomo possa affrontare. La ricerca della conoscenza! Poggiò il suo braccio destro sulle spalle del figlio, mentre col sinistro ancora stingeva la mano di sua moglie e quasi commosso disse: <Qui nascerà il futuro dell'umanità, e da oggi ci sarà un nuovo inizio, per anni ho sognato di poter partecipare alle ricerche del KIT, ma mai avrei pensato che un giorno qualcosa di ancora più avanzato potesse nascere qui, sui monti dove da ragazzino andavamo con mio padre a caccia di lepri.> Ulelin interroppe il discorso con un gridolino appena eccitato, che riecheggio sulle volte della cupola, sovrastante la grande sala ancora poco affollata: <Dottor Lividian, Dottor Lividian, siamo arrivati.> e si diresse verso di lui, quasi trascinando Lemintor e suo figlio.
  5. Nome (Gdr): Durtor Garul Cognome (Gdr): Digres Ambito di studi(Gdr): Fisica applicata, ingegneria meccanica Riconoscimenti/Diplomi(Gdr): Laurea cum laude in Fisica e Laurea cum Laude in Ingegneria, presso l'università di Spess. Motivo della richiesta: Sviluppare la ricerca sui nuovi materiali e la loro applicazione in campi di tecnologie avanzate. Seguire la mia famiglia, sono figlio di Ulein e Leminìtor Digres, nella loro nuova vita nella RSS.
  6. Nome (Gdr):Ulelin Cognome (Gdr): Nulmal Ambito di studi(Gdr): Antropologa, etnologa Riconoscimenti/Diplomi(Gdr): Responsabile del settore studi e ricerche Etno-antropologiche della “Compagnia di Esplorazione Geografica” Motivo della richiesta: Cogliere l'opportunità di sviluppare le proprie ricerche in un contesto, il RSS, multidisciplinare di altissimo livello, e potere condividere momenti di vita familiare, nel poco tempo libero con mio marito Lemintor Digres.
  7. Nome (Gdr):Lemintor Cognome (Gdr): Digres Ambito di studi(Gdr): Biologia farmacologia medicina Riconoscimenti/Diplomi(Gdr): Direttore del Centro Ricerche dell’ISN (Ufficio Sanitario Nazionale) Motivo della richiesta: Cogliere l'opportunità di sviluppare le proprie ricerche in un contesto, il RSS, multidisciplinare e di altissimo livello.
  8. Questo messaggio non può essere visualizzato perché si trova in un forum protetto da password. Inserisci Password
  9. scusate ma questi numeri chi li ha dati, a me risutavano altri @Adegheiz @Maròk
  10. Dopo aver sorseggiato il suo Caffè Fridom rinforzato. Guardò i due negli occhi e si presentò: <Il mio nome è Luden, Luden Parsen, e se come credo anch'io le apparenze, come i nomi, spesso ingannano, è nella sostanza che si trovano le verità. La sostanza nel nostro caso è che io sono qui in rappresentanza di qualcuno che potrebbe essere interessato e molto utile alla vostra causa, ovviamente se a voi è gradito.> Quindi riprese il suo bicchiere tra le dita e roteandolo con delicata eleganza, osservò i riflessi che emanava alla fioca luce del locale.
  11. Questo messaggio non può essere visualizzato perché si trova in un forum protetto da password. Inserisci Password
  12. Nella fredda notte invernale, un uomo solitario protetto da un pesante tabarro e con un cappello a falda larga, percorreva i vicoli del quartiere operaio di Spes. Il rumore dei suoi passi si rifletteva moltiplicato dall'eco tra le strette viuzze. Si fermò quando vide davanti a lui la disconnessa insegna della "Taverna del ferro di cavallo" malamente illuminata dalla luce tremula di una lanterna arrugginita. Si guardò intorno e rapido entrò. Il bancone aveva oramai pochi sgabelli occupati, e nella sala in penombra c'erano pochi avventori sedevano su tre tavoli distanti da loro. Slacciò i bottoni del pesante mantello, si sedette al bancone un po in disparte e quando l'oste si avvicinò a voce bassa disse: <Avete una brocca di Vino rosso resinato di Skejt?> L'oste alzò lo sguardo e guardò con attenzione l'uomo negli occhi, poi distrattamente rispose: <Rosso resinato, avete detto?> L'uomo annuì, con tre cenni del capo, allora l'altro continuando a passare un lurido straccio sul bancone, riprese: <Dovrei averne ancora in cantina, ma solo in bottigla, e costano 16 zenar.> <In bottiglia avete detto, ottimo è difficile trovarne, ve le fate pagare bene, ma ne prenderò tre, una la bevo qui le altre le porterò via> L'oste con un sorrisetto soddisfatto, prese le monete sul banco, e rispose:<Vada a sedersi al tavolo dietro la colonna, che ho da pulire la sala, gliele porto lì.>
  13. Ma è ....... Babbo Toretan Natale geniale! questo sì che è il vero culto del Tiranno
  14. Posti in forum gli screen, sarebbe bello vederli.