Search the Community

Showing results for tags 'CitizenCon'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • News
  • Minecraft
    • Karaldur
    • Jet
    • Laboratories
    • Pixelmon
    • Mirias
    • Eseldur
  • Giochi
  • Eventi
  • Prova

Forums

  • Forgotten World
    • Annunci
    • Presentazioni
    • Piazza pubblica
    • GDR
    • Parla con lo staff
  • Server Minecraft Forgotten World
    • Forgotten Alinox
  • Gioco di ruolo
    • La Locanda
    • Organizzazione campagne e Gdr Off
  • Community videoludiche
    • Paradox
    • Star Citizen
    • Altri giochi
  • Archivio
    • Archivio generico
    • Archivio dei Server Minecraft
    • Archivio GDR

Found 4 results

  1. Con il Giorno del CitizenCon, Sabato 23 Novembre (si, proprio domani) letteralmente alle porte, la Cloud Imperium Games ha rilasciato sul sito ufficiale il manifesto di programmazione dei Panel Produttori che si avvicenderanno, fra 24 Novembre e 1 Dicembre, fra i locali del Bevic Convention Center di Area 18, su ArcCorp. Ogni giorno, oltre all'aprire alla possibilità di acquistare dal Pledge Store del Sito RSI qualsiasi Nave del dato Produttore, fino alla fine dell'evento, saranno messi a disposizioni dei giocatori e degli avventori tutti gli scafi della data Manifattura, da provare per ventiquattro ore, prima di eventualmente decidere di acquistarle. L'Anniversary Sale è infatti l'unica opportunità, ogni anno, per operare il Pledge su tutte le Navi annunciate, oltre 140, sia a livello di Standalone Ship sia a livello di Cross Chassis Upgrade, con un assicurazione proporzionale all'anno di sviluppo (per il 2019 ogni nave arriverà con 84 mesi di assicurazione). Fra le sorprese di questo annuncio spicca la presenza delle Crusader Industries durante il quarto giorno di esposizione. Per la prima volta, infatti, dopo l'assenza dell'anno scorso, la polivalente corporazione, di base sull'omonimo gigante gassoso del Sistema Stanton, apparirà in gioco, probabilmente, con un modello esterno e non accessibile del Mercury Star Runner o della Serie Hercules, un po' come accadde con la Aegis Idris-M presso Lorville, oltre trecentocinquanta giorni fa. Apparso inoltre il chiacchierato LTI Token, che da tradizione accompagna ogni Anniversary Sale, che quest'anno, come lo scorso, arriva proprio dalla Anvil Aerospace, sponsor generale della manifestazione e prossima a lanciare sul mercato la Carrack 2950, questo Natale. L'Anvil Pisces approderà nel 'Verse in due versioni, una come Snub Ship di supporto alle operazioni della versatile Multi-Ruolo di punta della Casa di Terra, e una seconda, dotata invece di QD, e tre posti, come vascello di piccole dimensioni per l'esplorazione locale. Nessuna speculazione sul prezzo, anche se visto lo scafo in oggetto, sarà con ogni probabilità fra i 70 e i 100 dollari, più IVA. Forgotten World seguirà, commenterà e vivrà l'occasione, apice di ogni anno di sviluppo di Star Citizen, da Domenica 24 a Venerdì 30 Novembre , ogni sera dalle ore 21.00, sui miei Canali Twitch o YouTube, con Giveaway di Navi, anche con LTI, Flair e Cross Chassis Upgrade dedicati sia a Membri e Affiliati della Solaris™, sia, in parte, ad esterni non inquadrati. Apri l'Articolo per vedere il Programma Completo Da uno Wing Commander del Chairman Club, per oggi, è tutto. ...See you in the Verse! This content is sponsored by Solaris™ Robert Space Industries My RSI Handle Visualizza tutto articolo
  2. Da uno Wing Commander del Chairman Club, per oggi, è tutto. ...See you in the Verse!
  3. "Tutta questa smania di rompere il ghiaccio, quando, invece, andrebbe fatto sciogliere. Con una Carrack che ti fa il filo, magari." Il CitizenCon di quest'anno è la dimostrazione palese e sfrontata che la Cloud Imperium Games sa esattamente cosa sta facendo. Dopo aver personalmente dissipato decine di migliaia di euro su questa boreale utopia che alimenta una sorta di puerile, e per questo purissimo, slancio dall'anno 2012 voi direte, a buona ragione, che la mia voce sia di parte. Forse si, forse no, forse, mentre frattali geometrie siderali sgorganti dall'atmosfera compromessa di un disastro di terraformazione sbattacchiavano sul visore del personaggio ho avuto un allucinazione. Forse ho intravisto le spettrali figure di un ambizione spropositata come tre pastorelli videro la Madonna, un secolo fa, a Fàtima. Forse ho semplicemente essicato i fatti, dietro la vivace, linda, presentazione che Chris Roberts ha imbastito per contentare noi, affamati, backer di vecchia data, e per meravigliare chi per la prima volta si affaccia al 'Verse. Forse. Ecco la chiave di volta del CitizenCon 2019. Il dubbio. La probabilità. L'approssimazione. L'attenuazione. Che sia, forse, il punto di svolta? Che dopo anni di ritardi, non ultimo lo smistamento delle navi previste per la 3.8, una al mese dopo l'uscita prevista della data Patch, in correttive 3.8.x, si passi ad avere così tante implementazioni da gestire, da inserire, che nemmeno loro, gli sviluppatori, sanno come fermare la macchina in moto, o perlomeno regolarla? Che dopo tre anni di nulla, un anno con tre lune, un anno con due pianeti, si passi, all'improvviso, dal 2020, ad avere un Sistema intero all'anno, con quel Pyro capofila, sipario finale della presentazione, origine della vetrina per il mondo, dedicata al primo, monumentale, viaggio interestellare di questa creatura da quasi trecento milioni di dollari? Che dopo anni in cui l'infrastruttura tecnica carente ha tarpato l'esperienza dei giocatori e l'ambizione di sviluppatori e artisti, si arrivi alla prima iterazione del Server Object Container Streaming questo Natale, con allegato il bocciolo di persistenza che spazzerà via i fastidiosi reset fra un'Alpha e l'altra, pietre angolari e genesi di una letterale fionda gravitazionale che ci trascinerà ai 1670 Km/h dell'equatore terrestre, finalmente, nel gioco definitivo? Forse. Ma quando Hex e Quantum, i due strumenti, software, su cui è edificata l'economia dinamica, vengono apertamente mostrati, nel loro funzionamento e nel loro imbastire complessità con poche semplici variabili. Quando tali utensili, nelle mani competenti, invidiabili, di personaggi che stanno incidendo col loro sudore la scala universale del progetto, ti dimostrano di come 1000 NPC possono muovere l'economia di un sistema, un po' come un excel fa i conti in qualche fatiscente ufficio pubblico della nostra penisola, con ogni variabile potenzialmente immaginabile, dalla purezza della vena estratta, alla necessità, in SCU, per una fabbrica, di materiale per costruire quel dato componente, fino al pirata che interdice, distrugge e uccide, rendendoti tangibile il concetto e il basamento solido praticamente pronto all'immissione. Quando, pur non laureato in chissà quale sorta di diavoleria, in chissà quale prestigioso Campus, ti rendi conto che l'unico ostacolo per rendere fattibile tale dinamica è l'assenza di una struttura ancora priva della corretta conduzione delle risorse e della perfetta rifinitura a cui CIG ci ha abituato, a partire dall'inizio, capisci che quell'assenza verrà colmata a partire dalla prossima Alpha, questo Natale. Quando la neve di Microtech non è finta, immobile, ma ti fa sentire freddo alle ossa mentre sbarra la vista a qualche centimetro da un volto pronto a morire di freddo, se non fosse per un'armatura capace di preservarti il tempo per raggiungere un posto al chiuso. Quando il primo Jump Point sfavilla, finale, delle sfume e dei colori caldi del caos e della distruzione di un crepato e desolato Sistema di reietti ai confini dell'Impero, allora, quel forse ha un accezione piena, positiva, di chi chiosa col potenziale di un'idea, di un aspirazione, di un progetto, piuttosto che con gli ostacoli contro cui perennemente va a sbattere per il semplice fatto di voler aprire la via. Non ho visto la smania, l'inverosimile, la truffa, a Manchester. Ho visto dell'obiettivo proposito. Ho visto della sana coscienza nei mezzi e nel talento che Chris Roberts ha imbrigliato in anni di fatiche. Ho visto una Anvil Carrack attraversare un Jump Point. Ho visto una tempesta di neve a -112° su Microtech, capace di ostacolare una missione di hackeraggio e sabotaggio. Ho visto scattare gli allarmi, e ho visto il nostro avatar girare il collo a un NPC per scappare, senza essere visto, rischiando di morire congelato. Ho visto il nostro avatar indossare abiti fisicalizzati. Ho visto Hitman, Assassin's Creed, Mass Effect, Elite Dangerous, Anno, tutti in un'ora di demo, in un unico gioco. Ove le ambientazioni non sono istanze, mappe, scenari, ma pianeti, e ora Sistemi. Picasso diceva: L'arte è una professione da cieco, uno non dipinge, non scolpisce, non compone ciò che vede, ma ciò che sente. Oggi, in questa meravigliosa Domenica di Novembre, sono fiero di essere uno dei tanti ciechi che trascinano un'industria fuori dal pantano. Di seguito la demo completa dell'evento, divisa in due parti. La prima principalmente su Microtech e le nuove ambientazioni, oltre ovviamente all'esordio della Carrack e del C8 Pisces. La seconda su una missione di infiltrazione, il tempo atmosferico, le nuove meccaniche legate alle temperature e naturalmente il Jump Point, Pyro e il primo viaggio interestellare su Star Citizen: This content is sponsored by Solaris™ Robert Space Industries My RSI Handle Da uno Wing Commander del Chairman Club, per oggi, è tutto. ...See you in the Verse! Visualizza tutto articolo
  4. Da uno Wing Commander del Chairman Club, per oggi, è tutto. ...See you in the Verse! This content is sponsored by Solaris™ Robert Space Industries My RSI Handle