Cerca nel Forum

Showing results for tags 'Videogiochi'.

  • Cerca per tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Forgotten World
    • Notizie dello Staff & Community
    • Presentazioni
    • Supporto e Suggerimenti
    • Piazza pubblica
    • Ticket
    • Biblioteca Supernica
  • Forgotten Karaldur
    • Risorse Utili
    • Community Karaldur
    • Nazioni e Città
    • Eremiti, Gilde e Comunità Indipendenti di F.K.
  • Minecraft - Universo del Jandùr
    • Minecraft
    • Pixelmon
  • Zona interplanare
    • News
    • Kerbal Space Program
    • Europa Universalis IV
    • Server Space Engineers
    • Altri giochi
  • GDR - Play by forum
    • GDR - Play by forum
    • Forgotten Epics
  • Archivio
    • Archivio Eseldur
    • Forgotten Jet
    • Forgotten Lab
    • Archivio Server
    • Archivio FW
    • Archivio Pixelmon
    • Archivio Karaldur

Calendari

  • Calendario

Trovato 9 risultati

  1. Nel 2012, il compianto Satoru Iwata aveva anticipato, con alcune dichiarazioni, quanto sarebbe stato poi annunciato ufficialmente alla conferenza E3 della Nintendo di quello stesso anno, ossia il Miiverse! Miiverse dava la possibilità ai giocatori di poter condividere brevi commenti su un videogioco comune o disegni, dando modo alla creatività degli utenti e all'estro artistico di poter esprimersi ed essere ammirati dagli altri. I risultati di queste creazioni hanno dato vita, alcune volte, a vere e proprie "bellezze" che ancora oggi possono essere ammirati su internet. Nintendo ha seguito molto questa piattaforma e nel 2015 abbiamo l'ultimo grande aggiornamento, con un design innovativo e rinnovato. Le notizie della nuova console di Nintendo, Nintendo Switch, all'inizio non comprendevano il destino dei social network Nintendo, come il Miiverse, ma, oggi, possiamo avere notizia ufficiale che, purtroppo, questa piattaforma online verrà abbandonata dalla casa videoludica giapponese, insieme anche a Streetpass. La reazione degli utenti nei vari forum a questa notizia è stata varia, tra chi rimpiange uno strumento che ha dato vita a divertimento, gioia o possibilità di esprimere il proprio estro artistico e chi, invece, non l'aveva mai usato o lo trovava decisamente inutile. Ciò, comunque, non vuol dire che Nintendo Switch non avrà un apparato online, Nintendo lo ha promesso e sembra puntare a un servizio moderno, efficiente e nuovo, quindi non vi è bisogno di disperarsi, potrebbe sempre uscire un "Miiverse 2". Voi avete avuto esperienza con Miiverse? Come lo trovate o lo trovavate? Vi dispiace questo abbandono?
  2. Tabletopia si propone come un titolo simulativo free-to-play, giocabile sia tramite web browser che con l'apposito client installabile su computer, al pari della controparte a pagamento Tabletop Simulator. In Tabletopia, il giocatore potrà giocare via internet ad una lunga lista di giochi da tavolo originali, offerti sotto licenza dagli editori stessi; oppure crearne uno nuovo e condividerlo con la community. Il Gameplay è piuttosto particolare: non esiste intelligenza artificiale, e tutti i giochi devono essere giocati con avversari reali, eccezion fatta per quelli che permettono lo svolgimento di partite in solitario. Non esistono mosse predeterminate o regole governate da script del sistema; tutto viene lasciato alla libertà dei giocatori, i quali devono dunque avere una certa conoscenza delle regole del gioco. La completa libertà lasciata ai giocatori, tuttavia, potrebbe creare problemi a chi vuole giocare seriamente, a causa della presenza di alcuni giocatori che entrano nella sessione solo per spostare oggetti a caso e rovesciandoli con l'unico scopo di dare fastidio. Nel caso in cui non si conoscessero le regole, sono presenti i manuali di tutti i giochi messi a disposizione. È possibile creare partite pubbliche oppure private, utilizzando il proprio account steam, se si gioca tramite il programma, oppure tramite account esterno. In entrambi i casi sarà comunque necessario fornire un account esterno. La fisica, tenendo conto che il gioco è strutturato con il motore grafico Unity, è piuttosto realistica e influenzerà qualsiasi oggetto presente sul tavolo al minimo spostamento effettuato dal giocatore. È possibile, infatti, anche lanciare il dado manualmente, benché sia presente una funzione per rigirarlo automaticamente. L'editor per la creazione di un nuovo gioco non è molto complicato, bensì semplificato e reso disponibile a chiunque. Utilizzando oggetti "prefabbricati" oppure personalizzati, non è richiesto alcun lavoro con gli script, essendo essi esclusi dalle dinamiche di gioco. Sul sito internet del titolo è reperibile un rapido tutorial sulla creazione del proprio gioco da tavolo. Alla fine si rivela una valida e utile opportunità per chiunque voglia creare un proprio gioco da tavolo, avendo quindi la possibilità di progettarlo e testarlo virtualmente prima di crearlo nella realtà. Una nota fortemente negativa va al pacchetto Premium, che, come tutti i free-to-play, anche questo titolo possiede. Il Premium può variare da 7 a 30 giorni, in base a quale prezzo si voglia pagare, e non da molti vantaggi, se non la possibilità di giocare ad alcuni giochi con un numero di giocatori più alto del massimo consentito e avere accesso ad alcuni titoli che all'account normale sono interdetti. Una volta terminato il periodo Premium, il proprio account tornerà allo stato normale e tutti i vantaggi acquistati verranno rimossi, costringendo il giocatore a comprare un altro pacchetto. Il gioco al momento non ha una community molto attiva; i giocatori connessi ogni giorno sono pochi, le stanze da gioco spesso si riducono ad essere meno di due e difficilmente si riesce a crearne una nuova e a raggiungere un numero di 3-4 giocatori. Da denunciare anche l'assenza di alcuni manuali in lingua italiana o inglese, e l'instabilità del gioco su Chrome ed Edge. Tabletopia rimane comunque un titolo giocabile, il Premium non da vantaggi al giocatore e la piattaforma resta comunque godibile anche avendo un account standard, ideale per passare serate online con gli amici, anche se non si può dire lo stesso per quanto riguarda le partite pubbliche. Da segnalare, infine, l'avvio della fase di sviluppo di una versione compatibile con IOS e Android Visualizza tutto articolo
  3. Come ben sappiamo tutti noi, il settore retrogame ha visto una rinascita enorme e che vede un commercio comunque importante, specie nel settore mobile, seppur le vendite su console recenti di vecchi videogiochi è presente e florido. Eppure, solo qualche anno fa, per poter scegliere e provare giochi di questo genere bisognava o avere gli originali oppure ricorrere agli emulatori, su cui vi è sempre stata un'ampia discussione: la pirateria, di per sé, è illegale, ma se vi sono opposizioni anche morali per i giochi più recenti, ci si chiede se sia giusto, al giorno d'oggi, pagare anche una decina di euro per un gioco uscito vent'anni o trent'anni fa. Voi giocate con gli emulatori? Ritenete corretto "moralmente" giocarci anche senza averlo pagato? N.B. : non saranno ammessi link a rom o a giochi coperti da diritto d'autore e non rilasciati gratuitamente.
  4. Il mondo videoludico presenta dei fan molto spesso assai bizzarri e ciò, ovviamente, si riflette a iniziative alquanto atipiche e strane: il silenzio del creatore di No Man's Sky, Sean Murray e della casa sviluppatrice del gioco, Hello Games, sta facendo infuriare così tanto i fan che il subreddit dedicato al gioco ha deciso di imporre un "ultimatum": se non ci saranno altre notizie sul gioco, il subreddit diventerà una pagina ironica contro Sean Murray. La cosa buffa è che, per "sollecitare" e per rendere più evidente la critica, è stata avviata una raccolta fondi contro il cancro, che ha superato ora le mille sterline, raggiunbile qui . Se il silenzio durerà ancora, raggiungendo i 110 giorni (siamo a più o meno 90) i creatori e sostenitori del subreddit sono pronti a fare il "grande" passo. E voi? Avete comprato il gioco? Siete rimasti delusi? Vi spaventa questo silenzio?
  5. A quanto pare, ormai, se un videogioco a tripla AAA non esce buggato non si può dire di non essere contenti: Dishonored 2, uscito pochi giorni fa e prodotto dalla Arkane Studios, seppur pubblicato da Bethesda, mostra delle prestazioni alquanto deludenti su pc e ciò ovviamente ha scontentato moltissime persone, che aspettavano unicamente di poter giocare questa nuova avventura della serie e che si ritrovano fastidiosi problemi che non permettono di godere appieno della prestazione. La casa produttrice ha annunciato di star lavorando sulle patch e ha scritto un vademecum per alleviare il problema, ma ciò non può essere granché d'aiuto, anche perché basti solo pensare che, al primo giorno tutti gli utenti hanno dovuto scaricare una patch di 9 gb e che, tra l'altro, Bethesda, con la sua nuova politica, ha inviato le copie alla critica soltanto alla vigilia del primo giorno di uscita. Ciò è un altro segnale di come l'industria video ludica stia cambiando? E come? Cosa ne pensate?
  6. Che la console Nintendo Wii U non andasse granché bene questo si sapeva e, dopo il trailer di Nintendo Switch ormai era chiaro che per la Wii U si stava cominciando a pensare alla sua conclusione di produzione, ma la Nintendo, ieri, ha annunciato ufficialmente sul sito Giapponese che la produzione terminerà presto, per una console che ha venduto poco più di 13 milioni di pezzi in tutto il mondo, una tra le console della casa nipponica meno venduta in assoluto. E ciò, ovviamente, aumenta le aspettative che Switch dovrà rispettare e su cui ancora poco sappiamo, tra l'altro con l'aggiunta di un fattore portatile che non si capisce se soppianterà o affiancherà il nintendo 3ds. Una cosa è certa, la Wii U tra non molto non la troverete più nei negozi, a meno di rimanenze di magazzino o usata. Affrettatevi, quindi, se volete recuperare tutte le sue esclusive.
  7. Forse qualcuno di voi non sa che, specie per pc, esiste un genere molto particolare, catalogata come "manageriali sportivi non di calcio". A parte infatti Football Manager che pare essere il re incontrastato per quanto riguarda il calcio, gli altri sport vedono sì delle incarnazioni , ma, molto spesso, il giocatore interpreta la squadra, il giocatore e, in qualcuno di essi, seppur come modalità interna, come allenatore o presidente. Esiste, seppur i suoi rappresentanti hanno avuto maggiore fortuna su internet online, dei manageriali dedicati alla Formula 1 e Motorsport Manager, titolo che io aspettavo da molto, è uscito per pc e vuole dimostrare che, nonostante il genere sia piuttosto latitante di esponenti, esso può rappresentare un caposaldo. Tra l'altro, dalle prime recensioni che si possono leggere su steam è possibile notare che, nonostante la casa produttrice sia partito su questo gioco come app mobile, sembra, in realtà, aver fatto un ottimo lavoro e dato numerose soddisfazioni ai giocatori! E voi? Conoscete il genere? Lo avete mai giocato? Io posso dire soltanto che, se fosse un degno erede di Grand Prix Manager, allora diventerà uno dei giochi migliori che abbia mai giocato Screen di Grand Prix Manager. Si parla di tanti anni fa. Qui il link per vederlo su steam! http://store.steampowered.com/app/415200/