nokki :D

[GDR] L'inizio del viaggio

14 posts in this topic

Mikèl era seduto alla scrivania, erano giorni che aspettava impazientemente la risposta della grande sacerdotessa, i suoi pensieri in quei giorni si erano fatti sempre più pesanti e insistenti,
la sua povera mente non poteva sopportare altro, rischiava di diventare pazzo, le domande lo sommergevano sempre di più.
Finalmente un giorno soleggiato, come era ordinario nel Bonmìr, una lettera con il sigillo del dominio di Uhle arrivo sulla sua scrivania, scivolando silenziosamente sul tavolo in mogano, Mikèl capì che la sua attesa era terminata.
Si gettò sulla lettera come un falco sulla lepre, e con le ruvide mani aprì la lettera, praticamente distruggendo l'involucro di questa.
I suoi occhi si illuminarono di goia, lesse il contenuto della risposta sommariamente ed uscì rapidamente dalla stanza, prese due guardie reali a se che lo accompagnassero nel lungo viaggio e saltò a cavallo.
Il suo viaggio era appena iniziato e già si sentiva meglio, il vento gli scorreva tra i bianchi capelli facendo ritornare a Mikèl i bei tempi in cui era solito viaggiare per tutto lo Jedur per commerciare, per conoscere e per ricercare.
Montagne, mari, praterie, fiumi, città, attraverso velocemente il ponte che conduceva dalla città al villaggio agricolo e si diresse sempre più a sud.
Il primo giorno di viaggio passò, furono numerosi i mercanti e viandanti che Mikèl incontrò lungo la strada, ebbe modo di conoscere culture e lingue diverse, racconti epici, tornò a stupirsi e mostrare meravilgia per qualcosa.
il cavallo di Mikèl volava sui fili d'erba che gli accarezzavano gli zoccoli.
Alandìr, Alandìr fu' la prima città che incontrò quando ormai il sole tramontava tra le montagne quando oramai il sole stava scomparendo, Mikèl scese dal cavallo e si mosse verso un grigio muro di pietra, probabilmente quello cha andrà a fare da base a delle mura.

 

"Salve, cerchiamo ospitalità per trascorrere al sicuro da briganti e animali la notte"

Poi a Mikèl venne un'idea, si cambio gli abiti, sembrava quello che era tempo addietro, un semplice mercante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bel GDR, ma cambia quel "leggè", please. :asd:

 

si, di tanto in tanto mi escono mostri di questo tipo :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

se proprio dobbiamo essere pignoli: "e si mosse verso un grigio muro di pietra, probabilmente quello che sarebbe andato a fare da base a delle mura. :fiore:

 

Pol stava visionando i cantieri della città di Alandir, città per modo di dire dato che sarebbe stata semplicemente una sede apparente del governo e del potere per evitare sbilanciamenti verso una delle Signorie, i lavori procedevano velocemente e, mattone dopo mattone, a breve sarebbero state terminate le poche case che avrebbero dovuto ospitare le poche persone che avrebbero abitato a Alandir e poi si sarebbe passato alla costruzione della cinta muraria, della quale erano già state posate le prime pietre.

 

Stava camminando lungo la suddetta "cinta" muraria, alta appena pochi metri, quando poco più in sotto sentì una voce, che apparentemente chiedeva aiuto, e il ragazzo stupito e incuriosito decise di sporsi per verificare.

Al di la del muro c'erano un vecchio mercante, probabilmente della vicina città di Ejitel, e il suo Purosangue.

Il mercante alzò lo sguardo e da sotto la sua tunica Pol potè vedere i suoi fissarlo per alcuni secondi per poi si decidersi a parlare...

 

"Salve, cerchiamo ospitalità per trascorrere al sicuro da briganti e animali la notte"

 

Il governatore Iridiano rimase un attimo interdetto, non si aspettava che nessuno raggiungesse la ancora piccola Alandir ne tantomeno si aspettava che qualcuno chiedesse alloggio così presto, infatti nessuna casa era ancora abitabile e Pol stava quasi per essere costretto a mandarlo via.

Era quasi pronto a comunicargli la triste notizia dell'assenza di un luogo dove potersi riposare quando un idea balenò nella sua mente...

 

"Emh... Salve buon uomo, la nostra città sarebbe lieta di ospitarvi... Tuttavia le devo chiedere di seguirmi verso Irìdian, purtroppo questa cittadina è di nuova costruzione e nessuna casa è pronta ad ospitarvi, ne voi ne nessun altro temo"

 

Cercò di capire le emozioni dell'uomo...

 

"Non si preoccupi, Irìdian è a breve distanza... Mi dia solo il tempo di prendere il mio cavallo."

 

Il ragazzo si allontanò velocemente dal freddo muro di pietra per raggiungere la piccola "stalla", se così si poteva chiamare il baldacchino di legno e paglia costruito apposta per il suo Purosangue, lì sellò velocemente Nadir per poi tornare al trotto verso il mercante, che era rimasto nel luogo dove lo aveva incontrato precedentemente...

 

"Se vuole seguirmi la porterò verso un rifugio sicuro"

 

Disse il ragazzo attendendo una risposta del mercante

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Certamente disse Mikèl" incamminandosi con il giovane verso la più grande cittadina,

i due salirono a cavallo e Mikèl iniiò a sfruttare la sua copertura chiedendo informazioni su quella giovane città e sulle sue relazioni diplomatiche camuffandola come una tranquilla conversazione

ingaggiata al solo scopo di far passare il tempo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Certamente disse Mikèl" incamminandosi con il giovane verso la più grande cittadina,

i due salirono a cavallo e Mikèl iniiò a sfruttare la sua copertura chiedendo informazioni su quella giovane città e sulle sue relazioni diplomatiche camuffandola come una tranquilla conversazione

ingaggiata al solo scopo di far passare il tempo.

 

Pol partì a cavallo nella notte, seguito dallo straniero, alla volta di Irìdian...

Il silenzio regnava sovrano fino a che lo straniero non incominciò a riempirlo di domande sulle loro relazioni estere...

 

"Come mai un mercante si interessa della politica estere degli altri stati?"

 

Esordì il governatore iridìano

 

"Ad ogni modo, abbiamo avuto contatti pacifici con molti stati del piano... Mi turbano alcune incursioni del regno di Rumildan che hanno ucciso alcuni innocenti disarmati,  ma per il resto..."

 

Al termine della frase fece spallucce

 

"Stiamo avendo ottimi rapporti con il regno di Ejitel, anche a causa della vicinanza dei nostri stati..."

 

"Voi invece, raccontatemi, come vanno i commerci?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Mah"

 

rispose Mikèl,

 

"il prezzo dell'oro sta calando, si dice si stia trovando un modo per coniare moneta utilizzando grandi quantità di lapislazuli, inoltre predoni e altre ostilità sono ancora frequenti lungo le vie mercantili... , tuttavia vorrei sapere di più sul vostro sistema di governo e sull'importanza dell'etica in queste terre"

 

Iridan si iniziava a scorgere all'orizzonte

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Mah"

rispose Mikèl,

"il prezzo dell'oro sta calando, si dice si stia trovando un modo per coniare moneta utilizzando grandi quantità di lapislazuli, inoltre predoni e altre ostilità sono ancora frequenti lungo le vie mercantili... , tuttavia vorrei sapere di più sul vostro sistema di governo e sull'importanza dell'etica in queste terre"

Iridan si iniziava a scorgere all'orizzonte

Il cantiere del palazzo del governo iridiano incominciava a scorgersi nel tramonto e il mercante continuava con le sue domande, questa volta sull'etica...

"Etica, che parola grossa"

"Credete che sia Etico uccidere dei poveri cittadini disarmati? Eppure alcune città lo fanno senza scrupolo alcuno; credo che "l'etica" sia un concetto totalmente relativo di questi tempi, chi decide cosa è bene e cosa è male? Dal canto mio posso solo

dire che le nostre città sono libere da omicidi interni, dal furto e, per lo meno io, siamo sinceri con chiunque, in fondo ci siamo dichiarati come ricercatori di pace, libertà e verità... Potevamo essere degli ipocriti?"

Sbuffò e guardò negli occhi il mercante che sembrò stupito da quella risposta

"Il sistema di governo dell'unione invece è molto variegato, a Iridìan vige una monarchia parlamentare mentre a Usktr una Repubblica, a Leroet vige una teocrazia.. Tre sistemi di governo molto differenti tra loro ma che riescono a conciliarsi nel Concilio dei Tre, non è fantastico? abbiamo avuto pochi scontri interni, ed erano quasi tutti dibattiti su cosa fosse giusto o meno su vari argomenti"

ora che ci pensava, stava conversando con un completo sconosciuto dell'ordinamento politico del paese

"ma mi dica, per quale motivo è interessato a tutto questo?"

Edited by Livid™

Share this post


Link to post
Share on other sites

"curiosità..... curiosità..... perchè non ci dirigiamo verso quella locanda per pasteggiare?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.