NihondeBresa

[UIC/Primo Direttorio] Disordini a Skerak

8 risposte in questa discussione

UIC.PNG
----------------------------------------------------------------------------
 
Iosif Stardel era intento a firmare e controfirmare documenti e scartoffie.
 
L'ufficio del Segretario era molto ampio, quasi quanto quello della Presidentessa Nihoshenko anche se il via vai di impiegati era molto più celere e frenetico.
Giunse infine la sera, ed i due soli Jeduriani scomparvero dietro le fredde mura della capitale Modernista. L'uomo fece per alzarsi e congedarsi quando qualcuno bussò alla porta dell'ampio locale.
 
"Avanti..." disse quasi perplesso il Segretario, il fatto che qualcuno si presentasse a quell'ora quando tutti gli impiegati erano già nei loro caldi letti diede a Iosif un vago presentimento.
 
Un uomo ben piantato, una folta ma ben curata barba color rosso mogano entrò nell'ufficio, i piccoli occhietti color nero risplendevano alla luce soffusa del caminetto dell'ufficio
.
"Segretario Iosif Stardel..." annuì l'uomo porgendo un singolare ed enigmatico sorrisetto al Grande Burocrate del Partito "le voci sono vere...da Skerak con amore..." disse estraendo un fascicoletto d'un rosso acceso e posandolo sulla solida scrivania in legno d'abete.
 
"Saluti dal primo direttorio..." congedandosi e sparendo tra i corridoi del pavlov prima ancora che Iosif potesse dire qualcosa.
Quindi pose lo sguardo verso il fascicolo dell'UIC.
 
Come al solito recava le infinite scritte sulla segretezza e riservatezza del documento, roba da far impallidire persino il più incallito dei Paramodernisti.

UFFICIO INFORMATIVO CENTRALE,
Primo Direttorio
Juriev ████████████
 
Informazioni raccolte dai nostri infiltrati presso la Repubblica Pirata di Skerak confermano le voci giunte in tutto il Piano.
████████ ████  ████████████ ██████  █████ ████████████ ████████████  ████████████ ████████████
██████████ ███████ █████ ████████████ ████████████ ████ ██████ ████████████
Presso la Repubblica di Skerak è in atto una violenta ribellione tra la fazione governativa accusata di abuso di Potere da parte della fazione ribelle.
Le vittime sono molteplici,████████ ████ ████████████ █ ██████ ██████ █████ ███████████ ████████████ ████████████
esecuzioni pubbliche eseguite con regolarità su mandato del Re dei Mari, tesserato al Partito Modernista Sìpan Tèr Tessera SK0A1.
Gloria all'URMM! Gloria al Modernismo!

 

 

Modificato da Joseph V. Bresajevski

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il baffuto Iosif Stardel era ormai diventato pigro e apatico alle novità.

Giunto ormai al 60° anno di età, gli interessi per la vita politica lo stavano ormai abbandonando e se stava tanto tempo in ufficio era solo per evitare le noiose lamentele della moglie, Ekaterina.

Da qualche mese aveva anche una amante. Probabilmente Ekaterina sapeva ma non era nemmeno stupida: uno scandalo di questa portata avrebbe danneggiato non solo l'immagine di Iosif ma anche quella dell'intera URMM.

 

La visita dell'agente UIC ruppe la delicata armonia nei pensieri di Iosif. Lesse rapidamente il fascicolo, era già a conoscenza dei problemi di successione interni alla Repubblica di Dalagon e ormai attendeva solo conferme per agire. 
Quel Sipan Tér, mi ricordo ancora quando suo padre chiese rifugio nel modernismo per sfuggire all'odio politico, ora apparentemente le cose si sono ribaltate. Comico.

"L'ereditarietà della tessera ha portato a questo errore ed ora bisogna rimediare, un despota di questa portata non può essere appoggiato dal modernismo" pensò Stardel provvedendo a spuntare il nome di Harlem Sipan Tér dall'elenco tesserati. 
"Probabilmente quel sadico manco sapeva di essere tesserato. Bene, non ha più importanza ora".

 

 

Il giorno dopo, sul giornale del Partito Modernista "Stella Rossa":

 

hj1WIY1.png?1

Annuncio del Segretario Iosif Stardel

 

Il dittatore Sipan Tér, proclamato Re dei Mari di Skerak nella violenza e nel sangue degli innocenti, ha rinnegato gli ideali di libertà su cui si è stata fondata la Repubblica di Dalagon.

Questi ideali sono gli stessi che il Modernismo appoggia e non lasceremo che vengano lasciati abbandonati a se stessi. Non si guarda in faccia alla libertà, per questo l'Unione delle Repubbliche Minerarie Moderniste è disposta a lasciare alle spalle i passati rancori della guerra e ad offrire asilo politico a tutti i perseguitati dalla dittatura di Sipan Tér. 

Piace a NihondeBresa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Piccolo errore, Sipan Tér non si è autoproclamato Re dei Mari, ma è stato scelto dal consiglio dei nove ^^

Citazione dalla wiki di Dalagon

" Re del Mare: Eletto dal consiglio dei nove, questo dirige la repubblica pirata /////// "

Gdr di Spy postato oggi, in cui il consiglio lo elegge ^^ http://forgottenworld.it/forum/topic/12210-il-nuovo-re-dei-mari/

Piace a Stardel

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Piccolo errore, Sipan Tér non si è autoproclamato Re dei Mari, ma è stato scelto dal consiglio dei nove ^^

Citazione dalla wiki di Dalagon

" Re del Mare: Eletto dal consiglio dei nove, questo dirige la repubblica pirata /////// "

Gdr di Spy postato oggi, in cui il consiglio lo elegge ^^ http://forgottenworld.it/forum/topic/12210-il-nuovo-re-dei-mari/

corretto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Parte 1:la notizia

Le notizie del giornale del partito arrivarono ad uno dei mercanti di Actes che era presente a Thorvil.

Il mercante era molto stupito dell'annuncio del segretario del partito, abbandonò seduta stante il lavoro per andare ad informare il suo mentore.

Lui si presentò al cospetto di Actes.

<<abbiamo novità>> disse il giovane mercante sventolando il giornale del partito.

Tutti si voltarono a guardarlo con aria stupefatta.

Actes abbandonò il lavoro che stava facendo e si diresse dal suo sottoposto, ed il giovane mercante gli mostrò il giornale indicando l'annuncio.

A gran voce riunì tutti coloro che erano nella grande stanza e lesse l'annuncio in modo soddisfacente.

<<Era ora che qualcuno capisse ciò che Harlem  sta compiendo, era ora che qualcuno ci desse appoggio per il compimento dell'opera in atto>>

disse infine Actes.

L'ultimo ordine impartito in giornata fu di affiggere nei territori controllati dall'armata il seguente messaggio:

<<So che per alcuni di voi sia difficile vivere in questa città per via della tirannia di Harlem.

Da ora potete avere la possibilità di ottenere asilo politico nelle città dell'URMM.

State tranquilli, almeno là non ci sarà modo di subire le tirannie di Harlem.

Actes Zamputor>>

Fu così che Actes ottenne un maggior consenso da parte dei suoi sottoposti ed una buona parte dei civili migrò temporaneamente nell'URMM.

 

Parte 2: la lettera

Il giorno dopo aver saputo la notizia al segretario dell'URMM venne recapitata una lettera:

<<Segretario Iosif Stardel,

la vorrei ringraziare dell'aiuto fornitoci e della demonizzazione dei modi di fare di Harlem.

So perfettamente che i vostri cittadini abbiano appoggiato l'ideologia modernista ma la vorrei invitare inoltre a rafforzare i controlli cittadini nei periodi a venire per per la prevenzione di noi tutti, che si possa cercar di evitare in qualunque modo di appoggiare il modo di fare del tiranno Sipan Tèr.

Per noi skeraki si prospettano momenti difficili, ma inevitabili.

Con questo chiudo,

Actes Zamputor>>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.