Cinna95

[Nuova provincia] Kanasmìr

37 risposte in questa discussione

Nazione: Repubblica di Ninvòs

Nome della città: Kanasmìr

GqEsVas.png

Sindaco: Cinna_95 (in forum Cinnius)

Sistema di Governo della nazione: Repubblica Unionista

Sistema di Governo Cittadino: Oligarchia

Provincia: 9 (ex provincia di Kushima, ovviamente non sulle rovine)

Stile Cittadino per architettura: Medievale con qualche spunto steampun

  per cultura: Non darà nessun imposizione culturale o religiosa.

GDR OFF: Questa città verrà fondata su due basi, riportare in vita l'unionismo in questa era e rimodernare ed evolvere il concetto di città.

GDR ON:

2894 D.F.

Era una sera come tante a Spes, la luce della Luna creava dei giochi di luce stupendi nell'acqua del lago. Zaròt Cinnius si trovava come ogni sera a recarsi verso la locanda in cui andava a cenare e arrivato lì, nota con sorpresa che la locanda era semi deserta, cosa abbastanza rara in quel periodo ma, nonostante ciò, si sedette al solito tavolo che si trovava all'angolo più lontano della sala, posto che prediligeva per poter cenare senza esser disturbato. La cena proseguì tranquilla e mentre stava gustando una zuppa calda, la sua attenzione fu attratta dalla discussione di due uomini seduti nel tavolo accanto.

 

L'uomo più anziano stava dicendo - "… l'Unionismo Puro non esiste da secoli ormai, cosa ti fa credere che riusciremo a trovare ancora persone che seguano questa ideologia?"

 

L'altro uomo seduto al tavolo disse - "non ti ricordi di Eselvil? Sarà mezzo secolo che è fallita, forse ci sono ancora discendenti di quei cittadini che credono in questa ideologia! Non disperar amico mio"

 

A quel punto il più anziano dei due notò che Zaròt si stava interessando alla discussione e guardandolo gli disse - "scusi come mai è cosi interessato dei fatti altrui? Non sa che è cattiva educazione origliare?"

 

Zaròt visibilmente mortificato - "Mi deve scusare, la discussione ha attirato la mia attenzione perché ho sentito parlare di Unionismo Puro, ed ero interessato a saper qualcosa di più" - guardandoli con aria interessata aggiunse - "in ogni caso, piacere io sono Zaròt faccio il mercante privato qui a Spes"

 

La serata prosegui con Zaròt ed i due uomini, Nostu Scafusta e Eranor Deadu Borgia a discutere riguardo l'Unionismo ed un suo possibile ritorno alla ribalta..



2896 D.F.

Erano passati poco più di due anni da quella sera, in cui Zaròt incontrò quei due uomini. In quel momento non lo sapeva ma, di li a poco, diventarono grandi amici e con loro condivise il sogno di fondare una città e di far tornare l’Unionismo, quello Puro, su Eseldur. Come ogni sera si ritrovavano tutti e tre a casa di Nostu per parlare e mettere a confronto i progressi nel loro progetto di fondazione, ma erano ancora molto lontani dalla possibilità tangibile di fondazione. La parte più difficile, infatti, era trovare i pionieri che gli dessero l’aiuto necessario per questa “impresa”.


Zaròt era in ritardo quella sera, a causa di alcune difficoltà nel contrattare il prezzo di vendita per della merce ma, finalmente, era arrivato nella dimora di Nostu e si poteva rilassare davanti al fuoco del piccolo camino, mentre comunicava ai suoi amici che aveva intascato un grosso ricavato dall’ultima spedizione. Entrato in casa rimase sorpreso nel vedere un’altra persona davanti al camino: quest’ultimo gli si avvicinò e si presentò come Sephiran Devadar. Durante la serata scoprì che quest’ultimo era un abitante di Lumvalos e che desiderava aggregarsi al progetto con alcuni suoi amici. Verso la fine della cena, Eranor disse - “Ho saputo che un gruppo dei discendenti di Eselvil sta vagabondando per il piano e potremmo provare a contattarli. Magari riusciremo a convincerli ad unirsi al nostro progetto, in fin dei conti, sono unionisti anche loro.”


Nostu che fino a quel momento era raccolto nei suoi pensieri e non parlò molto durante la cena disse - “Sai dove si trovano in questo momento?”


Eranor sorpreso da quella risposta rimase un attimo in silenzio ma alla fine aggiunse - “sì, si sono stanziati nei pressi delle rovine di Eselvil, non dovrebbe essere difficile trovarli”


Nostu a quel punto si alzò dalla sedia di velluto rosso su cui poggiava e disse - “partirò immediatamente per andare a parlare con loro, avremo più probabilità di convincerli se qualcuno di noi si presenta da loro di persona piuttosto che con una fredda e misera lettera”


Zaròt fermò l’amico con una mano facendolo sedere e disse - “Nostu apprezzo la tua buona volontà di intrapendere questo viaggio, ma lo sconsiglio! Da quì alle rovine di Eselvil c’è molta strada ed è piena di pericoli, il rischio è troppo alto!”


Eranor si intromise - “signori, tranquilli io conosco la persona giusta per questa missione, il suo nome è Sulust e conoscendolo non avrà problemi a viaggiare da solo!”


Nostu pensieroso - “se tu ti fidi di lui e pensi che sia veramente in grado, io sono d’accordo”


Zaròt e Sephiran fecero un semplice cenno di consenso con la testa, e la serata si concluse di li a poco con la consapevolezza che tutti i pezzi di questo progetto si stavano riunendo in un immenso schema.



2898 D.F.

Era mattina presto, Zaròt era disteso sul bordo del lago e guardava il leggero increspamento delle onde pensado che da li a poco non avrebbe più potuto ammirare quel luogo che era così tanto abituato ad aver a portata di mano. Dopo qualche minuto si alzò da terra e si diresse verso la piazza che fronteggia il castello di Spes.


Li trovò Nostu ed Eranor che l’aspettavano. - “Zaròt! finalmente sei qui” - disse Nostu - “abbiamo preparato tutto, le merci sono già sui carri e i pionieri sono in trepidante attesa di partire, anche il gruppo di Eselvil ci ha raggiunto”


Zaròt con faccia estasiata - “perfetto non pensavo che i preparativi sarebbero finiti cosi presto, rimane solo una cosa da decidere, chi sarà a governare la città?”


Nostu ed Eranor si guardarono e quasi come se si aspettavano quella domanda da parte di Zaròt, uno dei due rispose: - “Sarai proprio tu a governare la città!”


Zaròt con faccia sbalordita e quasi senza parole disse - “io?! perchè proprio io?”


“Zaròt, tu sei stato commerciante per tanti anni” - rispose immediatamente Eranor - “Ha ragione Eranor, secondo noi, tu sei la persona giusta per questo incarico” - ribattè Nostu anch’egli quasi immediatamente.


Zaròt, per quanto fosse incredulo da queste loro dichiarazioni gli rispose - “amici, senza di voi non saremmo quì, e se voi ritenete che io sia la persona giusta per questo incarico...” - si soffermò un attimo pensando a quanto grande fosse la responsabilità che avrebbe gravato sulle sue spalle e dopo qualche secondo accennò ad un sospiro e continuò - “farò del mio meglio per portare alto il nome della nostra città e dell’Unione!”


Cosi il gruppo si incamminò in direzione del luogo dalla quale l’Unione, dalle sue ceneri, rinascerà!

 

F​oto:

esempio

s3Eoi1v.jpg

 

nBJQaMx.jpg

 

I5x5lCk.jpg

 

Pionieri:

Cinna_95 - Confermato

Nokkiblock - Confermato

Silenced

Spyware006

Francy9000

Jedo - Confermato

Signorkenway - Confermato

Oseroth - Confermato

Scafusta - Confermato

Deadsadbad - C​onfermato

Zòras - C​onfermato

Chapacco - C​onfermato

Deàdar - C​onfermato

Gabrix01

Tenaciuos - Confermato

Niddoh - Confermato

Black Raven

alruspix98 - Confermato

J​on_Josc_Ita - Confermato

Alfre​890 - Confermato

HoloKi - Confermato​

Simbiosi - Confermato

 

Se altri utenti vogliono unirsi a questo progetto ben venga, cerchiamo un po' chiunque, questa città avrà lo scopo di spingere l'utenza a giocare in un po' tutti gli ambiti ^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

 

GDR OFF: Questa città verrà fondata su due basi, riportare in vita l'unionismo in questa era e rimodernare ed evolvere il concetto di città.

 

 

 

0e9.jpg

 

 

Scusate il piccolo troll, non potevo resistere. In bocca al lupo per il futuro!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buona fortuna, l'Unionismo è sempre ben accetto.

*timbra il biglietto per Vorkuta*

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk

Piace a Asymal

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Il mio progetto non c'entra nulla con quello di Cinna" cit.

 

Io volevo creare una Nazione. Lui una città. Le cose sono differenti :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Il mio progetto non c'entra nulla con quello di Cinna" cit.

 

Io volevo creare una Nazione. Lui una città. Le cose sono differenti :asd:

Siamo là eh :sisi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.