Sign in to follow this  
Followers 0
Vaxick

La triste storia di una capretta

3 posts in this topic

Era un giornata triste,fuori c'era una tempesta,i fulmini colpivano le case,gli alberi e a volte le persone stesse,così decisi di andare a dormire per far passare la nottata più in fretta.

Mi tolsi l'armatura,posai le armi e mi sdraiai sul letto e chiusi gli occhi, quando sentii una canzoncina di un mandolino,riaprì gli occhi ed in camera mia apparve marok e mi disse "ora ti racconterò una storia triste, così per accompagnare questa triste giornata di pioggia", stranito annui e cosi iniziò a raccontare.

Guarda guarda la capretta

che si mangia quell'erbetta

la capretta starnutì

la capretta poi morì

il coniglio vide il morto e pensò:

il mondo e proprio storto!

con le sue piccole zampine

risalì sulle colline

sulla cima più elevata

e scavò una tomba elaborata

la capretta ci gettò

e un prete arrivò

disse due belle parole

per la famiglia e per la prole

tutti stettero piangenti

con il tremar dei denti

che giorno brutto e nefasto

ma un bel lauto pasto

risolve tutto il male

attento a non metter troppo sale!

Finita la storia mi addormentai,e il mattino seguente quando mi svegliai sul comodino trovai un libro,sulla soria della capretta.

 

Maròk likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo essere risalito sull'Olimpo Supernico, Marok rivolse lo sguardo alle terre dei mortali. I suoi occhi divini cercarono con stupefacente velocità l'umano visitato quella notte, la mente supernica era in grado di muoversi senza sforzo fra diversi piani del Jandur, penetrando fin alle più oscure profondità del Nether. 

La superna Miluna, passando lì vicino, si fermò a guardarlo.
"Marok! Ancora una di quelle tue storielle?" Il superno della scrittura ridacchiò, poi fra le sue mani comparve una pergamena.
"Esatto, sarebbe un peccato sprecare una tale opera, non credi?" Il foglio scomparve, smaterializzandosi in una nuvola di frammenti dorati.

Edited by Maròk
Vaxick likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, Maròk dice:

Dopo essere risalito sull'Olimpo Supernico, Marok rivolse lo sguardo alle terre dei mortali. I suoi occhi divini cercarono con stupefacente velocità l'umano visitato quella notte, la mente supernica era in grado di muoversi senza sforzo fra diversi piani del Jandur, penetrando fin alle più oscure profondità del Nether. 

La superna Miluna passando lì vicino, si fermò a guardarlo.
"Marok! Ancora una di quelle tue storielle?" Il superno della scrittura ridacchiò, poi fra le sue mani comparve una pergamena.
"Esatto, sarebbe un peccato sprecare una tale opera, non credi?" Il foglio scomparve, smaterializzandosi in una nuvola di frammenti dorati.

Troppi applausi sono troppo pochi per quest'uomo 

Maròk likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.