Stardel

Libro dell'Eterea Spiegazione - #2 Parabola di Adeges

1 post in this topic

Capitolo precedente

#2 Parabola di Adeges


Erano i tempi della Precessione Planare e Atron e Adeges, figli e servi di AMIN, presero le armi insieme per sconfiggere le armate del Bu, diavolo degli insetti.

“Folli superni, i vostri sforzi sono vani. Sono nelle vostre orecchie riempite di errori ed orrori, sono nelle vostre labbra fatte di bestemmie ed assoluzioni. Sono nell’aria che respirate e vomitate.” disse il Diavolo degli insetti.

Atron prese l’acqua dalla sua bocca e la sputò verso il Bu, sortendo poco effetto.

Adeges allora prese il suo dado e lo gettò a terra, sorridendo “Il tuo destino è già stato segnato, Bu. Poichè la mano di AMIN è ora giunta ad eliminarti.”

Una meteora cadde sulla testa del Bu ed infine egli venne sconfitto, rilasciando il suo Cuore, fonte di immenso potere.

Adeges, prese il Cuore e disse: Questo oggetto deve essere distrutto, poichè infinito rischia di essere il potere del Bu sugli altri piani.

Il Cuore venne quindi affidato ad Atron, in modo che egli lo rendesse nullo, eliminando la corruzione del Bu da tutti i piani del NI.

Atron, fingendo di aver compiuto il suo compito, nascose il Cuore agli occhi degli altri superni nel Piano di Karaldur e abberevandosi del potere degli insetti e spargendoli, come acqua fuoriuscita da un fiume in piena.

La Processione Planare infine terminò e i mortali misero piede sul piano di Karaldur. Gli insetti del Bu, liberi per l’inganno di Atron, si insediarono in molti di essi creando confusione, morte e sudore.

Adeges, adoratore dell’umanità, iniziò ad indagare e la frode fu subito chiara. Il Superno confrontò Atron nell’arcipelago Alismir e ingaggiò una terribile battaglia, che ancora oggi lascia i segni sulle isole.

Le parole del Bu erano vere quindi, ora che anche mio fratello è stato corrotto. AMIN guidami mentre percuoto la sua carne e libero il tuo creato” Così Adeges disse e brandendo il suo bastone, colpì infinite volte Atron, il quale cambiò numerose volte colore e forma, trasformandosi infine in fumo e spargendosi per tutto il piano.

Lo stupore e la delusione colpirono la mente di Adeges, che impazzì ed inizio a flagellarsi.

Divino AMIN, ti ho deluso per l’ultima volta, non sono degno di portare il tuo nome. Strappa il tuo cordone e rendimi mortale, poichè l’inganno di Atron è solo colpa mia.

L’IMMONDA PROFEZIA SI È ORA AVVERATA E IL TANFO DEGLI INSETTI È ORA OVUNQUE. CONTIENI L’INFEZIONE, GUIDA LA MIA VOCE CON IL POTERE DEL QU. COSÌ SARAI ETERNO.

Il superno esplose in mille colori e si ricompose in una risata isterica. “AMIN mi ha guidato. Non posso tenere il QU ma non posso abbandonarlo, l’illuminazione sarà presente ed assente allo stesso tempo. Così come la mia mente."

Queste sono le parole di Adeges, Voce di AMIN.

MayuriK likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.