Sign in to follow this  
Followers 0
RequiemSlp

Il culto del Basilisco

3 posts in this topic

La prima apparizione di questa religione si ha nella quarta era, sviluppata nella città di Kraid.

La leggenda narra di un uomo, un grande condottiero vittima della fama e del potere, malattie incurabili, demoni che albergano in ogniuno di noi, soffocati dal nostro stesso buon senso. Demoni? Magari ne avrete sentito parlare in qualche racconto, ma questa è storia vera, la storia di un tiranno, tanto crudele con i suoi nemici quanto con i suoi stessi cittadini.

Il primo della dinastia dei Royksopp, Requiem I era il suo nome. Dopo la sua ascesa al potere, uno dei suoi primi capricci fu quello di far realizzare un immenso cratere ai suoi schiavi. Nè pale nè pane, soltanto acqua alle ginocchia e catene alle caviglie, magari fosse così semplice. A peggiorare le cose gli schiavi erano spesso vittime di abusi e punizioni completamente ingiustificate, che oscillavano dalla frusta al patibolo.

Fino al punto che la popolazione locale iniziò a pensare che l'ultima pena, "la morte" più che una punizione era una grande liberazione, guardando le facce dei presenti quasi si provava invidia in un esecuzione pubblica.

Dopo mesi di lavoro il progetto venne ultimato, un enorme cratere, esponendosi non si riusciva a vedere il fondo.

L'imperatore guardo i suoi sudditi, sorrise, sembrava contento quel giorno, diede una rapida occhiata a suo figlio, l'erede al trono. L'imperatore prese in braccio suo figlio, anche il piccolo gli sorrise, poi il padre lascio cadere nel cratere il bambino e ordino ai suoi sudditi di richiudere il cratere.

Non è mai venuto alla luce il perché di tanta crudeltà addirittura con il suo stesso figlio, ci sono storie che narrano che l'imperatore avesse paura che il nome di suo figlio fosse vissuto più a lungo del proprio e che per invidia abbia deciso di togliergli la vita prima che potesse avverarsi, c'è chi dice che il bambino non era realmente suo figlio, ma la conseguenza di una relazione tra la moglie e una sua guardia fedele.


Passarono altri mesi e la terra iniziò a colorarsi di rosso, un rosso spento, il rosso del sangue di tutti i sudditi defunti, la puzza di putrefazione si poteva sentire miglia lontane, il lavoro era stato ormai concluso e di quel cratere non c'era più traccia.

Di un imperatore ambizioso non era rimasto che una città devastata dai suoi stessi capricci, la popolazione fu decimata, la fine sembrava segnata, quando un giorno la terra iniziò a muoversi, piccole vibrazioni che diventarono presto un terremoto, la terra si aprì, facendo fuoriscure un fiume di sangue, che con onde violente bagnò il castello, unica sede dell'imperatore.

Un presagio di svolta, le vibrazioni calarono e la terra smise di tremare. La popolazione si spostò al cimitero del figlio dell'imperatore, da quel cratere ne uscì un serpente enorme.

                           basilisk_by_mrowkojad-d3ft1u8.png

Un basilisco, attratto dal sangue si diresse al castello, i due si guardarono negli occhi, l'imperatore diventò pietra lentamente, le sue grida smisero soltanto dopo che la sua bocca divenne pietra ma il suo dolore persisterà in eterno, questa fu la punizione di quella maestosa creatura. Prima di andare via si calò atterra, rovesciando alcuni detriti e tra questi c'era un uomo, ancora vivo, quell'uomo in realtà era il figlio dell'imperatore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chiamate un'ambulanza! Kataskematico è svenuto! Presto!

 

Nonostante il buon lavoro, rimando sempre dell'idea che sviluppare religioni già esistenti sia meglio che inventarne di nuove!

kataskematico likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  
Followers 0

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.